Michael Schumacher ha festeggiato i 50 anni a Maiorca

di Gaia Mellone | 13/02/2019

  • I media tedeschi riportano che Michael Schumacher ha trascorso il cinquantesimo compleanno insieme alla famiglia sotto il sole di Maiorca

  • La moglie Corinna ringrazia i fan per l'affetto dimostrato in questa ricorrenza e invita al rispetto della privacy sulle condizioni dell'ex pilota

  • Schumi ha riportato gravi lesioni cerebrali in seguito ad una caduta sugli sci il 29 dicembre 2013

Michael Schumacher ha festeggiato il suo cinquantesimo compleanno insieme alla sua famiglia nella villa di loro proprietà a Maiorca. Secondo quanto riferisce il giornale tedesco Bild, l’ex pilota di formula uno si trovava nell’isola delle Baleari già da Natale, dove era giunto con i suoi parenti con un elicottero della compagnia svizzera Héli-Alpes.

Michael Schumacher festeggia i suoi 50 anni a Maiorca con la famiglia

Qualche ora al sole, al riparo di una tenda. Michael Schumacher ha scelto di passare il suo compleanno insieme ai parenti stretti e al personale di assistenza, sfruttando la villa di famiglia a Maiorca. «Siamo lieti e vi ringrazio di cuore per festeggiare il cinquantesimo compleanno di Michael con lui e con noi» ha dichiarato la moglie Corinna Betsch attraverso una nota ripresa dai giornali tedeschi, aggiungendo che Schumi «è in buone mani e stiamo facendo tutto il possibile per aiutarlo». La moglie ha anche richiamato alla sensibilità di fan e paparazzi: «Per favore, cercate di capire se, seguendo il desiderio di Michael, lasciamo un argomento sensibile come la sua salute, come sempre, nella privacy» si legge nella sua nota. Negli scorsi mesi infatti si era riaccesa una certa curiosità sulle condizioni di Michael Schumacher. I fan del pilota erano rimasti colpiti dalle dichiarazioni di Jean Todt, ex amministratore delegato della Ferrari SpA e direttore generale della Scuderia Ferrari , che recentemente aveva fatto sapere di «aver visto il Gran premio del Brasile con Schumi». Michael Schumacher dopo una terribile caduta sugli sci cinque anni fa ha riportato gravi lesioni cerebrali che lo obbligano ad essere costantemente assistito da un team di 15 persone nella sua villa di Grand in Svizzera, dove è stata costruita un’ala appositamente attrezzata. Pochi gli amici ammessi a fargli visita, tra cui Jean Todt che in tempi recenti aveva dichiarato di «aver visto il Gran premio del Brasile con Schumi».

(Credits immagine di copertina:  ANSA / Gero Breloer)