La ministra Azzolina conferma che l’orale varrà 40 punti

di Ilaria Roncone | 29/04/2020

  • La ministra Azzolina è stata ospite di Skuola.net per rispondere alle domande dei maturandi

  • La ministra ha parlato della maturità e del meccanismo di valutazione

  • Il maxi colloquio varrà fino a 40 punti e i restanti 60 saranno assegnati basandosi sul percorso scolastico

Nel corso di una diretta con Skuola.net la ministra Azzolina si è impegnata a rispondere alle domande degli studenti in merito alla maturità 2020. Con le scuole chiuse e la prospettiva di ripartire a settembre, l’esame di maturità 2020 spaventa quei ragazzi che – a partire dagli inizi di marzo – non stanno frequentando la scuola. L’invito della ministra è quello di non temere poiché l’esame sarà adeguato alla situazione di pandemia e di chiusura delle scuole che stiamo vivendo. Quel meccanismo 40 – 60 che prima della pandemia assegnava alle prove un totale di 50 punti e al percorso precedente 40 crediti quest’anno verrà invertito.

LEGGI ANCHE >>> Il documento che ha frenato il governo: la riapertura di tutte le attività e della scuola avrebbe aumentato l’indice di contagio

Il maxi orale in presenza e partendo da un argomento a scelta

Parlando durante la diretta la ministra dell’Istruzione ha confermato che l’intenzione è – dati della curva di contagio permettendo – quella di fare l’esame orale nella aule scolastiche, in presenza, con gli studenti davanti alla commissione interna e al presidente esterno. La ministra ha annunciato che il maxi orale del 17 giugno «partirà da un argomento che non sarà una tesina ma un argomento scelto dagli studenti con i loro prof. Si parte da un argomento di indirizzo». La Azzolina vede la maturità come la «conclusione di un percorso» del quale ha deciso – per via della pandemia – di rivoluzionare i criteri di valutazione.

L’orale varrà 40 punti, il percorso scolastico 60 punti

La Azzolina ha spiegato come verranno valutati i ragazzi parlando di una vera e propria inversione del meccanismo di valutazione in termini di punteggio. «I crediti prima della pandemia erano 40 e gli altri 60 erano legati alle singole prove. Quel sistema non può restare così, voglio che il percorso venga valorizzato ulteriormente. Quel 40-60 lo inverto. 60 saranno i crediti dai quali gli studenti potranno partire, quindi valorizzazione massima del loro percorso di studi e dell’impegno nel corso di questi anni, e 40 la prova orale.ì

(Immagine copertina dalla diretta di Skuola.net)