Il Time inserisce Matteo Salvini tra le 100 persone più influenti del 2019

di Enzo Boldi | 17/04/2019

Matteo Salvini 100 persone più influenti del Time
  • Matteo Salvini è stato inserito tra i nomi delle 100 personalità più influenti al mondo del 2019 dal Time

  • Nella lista dei ‘leaders’ anche Papa Francesco, Donald Trump, Xi Jinping, Jair Bolsonaro e Greta Thunberg

  • L'esaltazione del segretario della Lega in un pezzo a firma Steve Bannon

Il suo ‘saperci fare’, seppur con metodi discutibili (non parlando di un aspetto prettamente politico, ma di interfaccia rispetto al pubblico), è ormai riconosciuto in tutto il mondo. Adesso Matteo Salvini, dopo aver conquistato la copertina del Time lo scorso 15 ottobre, è stato inserito nella lista delle 100 personalità più influenti al mondo del 2019 secondo la rivista settimanale statunitense. Il suo nome compare al fianco di altri grandi leader politici, religiosi e di altri Movimenti che hanno attirato l’attenzione mediatica negli ultimi tempi. A firmare l’esaltazione del lavoro del segretario della Lega è stato un panegirico firmato da Steve Bannon.

LEGGI ANCHE > Il patron del Papeete si candida con la Lega: «Salvini è come Pantani»

Il nome di Matteo Salvini compare al fianco di quelli di altri personaggi che, attraverso le loro battaglie politiche e sociali, hanno occupato buona parte delle pagine dei principali quotidiani e siti di informazione online di tutto il mondo. Si va dal sempreverde Papa Francesco, all’attivista per l’ambiente Greta Thunberg, passando per Donald Trump, Alexandria Ocasio-Cortez, Juan Guaidó, Jair Bolsonaro, il presidente cinese Xi Jinping e l’appena rieletto in Israele Benjamin Netanyahu.

Matteo Salvini tra le personalità più influenti del 2019

L’articolo a corredo del nome di Matteo Salvini, pubblicato sul Time alla descrizione del personaggio, è firmato da Steve Bannon, ex stratega della Casa Bianca che non ha mai nascosto la sua stima e il suo apprezzamento per il leader della Lega. «Il più anticonvenzionale dei politici ha condotto le campagne più anticonvenzionali, un turbine di raduni, discorsi, energia, tutti catturati dal vivo sul momento sui social media, finanziati con pochi soldi, con grinta, determinazione – scrive Bannon -. E un messaggio: Bruxelles non avrebbe più dettato la politica di immigrazione; non sarebbe stata più il ‘partito di Davos’ a dettare la sovranità dell’Italia; le élite europee non avrebbero più messo a tacere i cittadini italiani. Matteo Salvini ha fatto risorgere l’orgoglio nazionale italiano».

Gli altri italiani tra i 100 del Time

Nella lista – perché non si tratta di una classifica – stilata dal Time c’è spazio anche per altri due italiani, iscritti in due categorie differenti. Tra i pionieri troviamo l’eclettico  e tristellato chef Massimo Bottura; tra le icone, invece, compare il nome di Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino.

(foto da copertina del Time – 15 ottobre 2018)