Matteo Salvini e i complimenti per il muro anti immigrazione di Orban

di Gaia Mellone | 02/05/2019

Matteo Salvini e i complimenti per il muro anti immigrazione di Orban
  • Matteo Salvini è in visita in Ungheria

  • Una delle prime tappe della sua visita è stata al muro costruito al confine con la Serbia

  • Il vicepremier su Twitter: «Che la nuova Europa dal 27 maggio difenda i confini via terra come l'Ungheria e via mare come l'Italia»

Matteo Salvini è in queste ore in visita al premier ungherese Viktor Orban, un incontro criticato anche dal leader M5S e partner di governo Luigi Di Maio. Il ministro dell’Interno però si dice colpito e compiaciuto della politica anti-immigrazione perseguita dal premier ungherese: «In Italia, in Ungheria e in Europa si entra solo con il permesso!».

Matteo Salvini e i complimenti per il muro anti immigrazione di Orban

Viktor Orban e Matteo Salvini hanno camminato insieme lungo il confine tra Ungheria e Serbia, dove il governo guidato da Fidesz – Unione Civica Ungherese ha fatto costruire un muro per bloccare l’avanzata dei flussi migratori. È stato il primo passo della visita del vicepremier, che ha dichiarato con orgoglioso di essere «Felice di incontrare di nuovo il premier Viktor Orban e vedere con i miei occhi con quanta efficacia il suo governo contrasti l’immigrazione clandestina». La visita al muro, definito da Salvini su Twitter un «sistema di protezione dei confini adottato dal governo ungherese per contrastare l’immigrazione clandestina», è stata un’occasione per il vicepremier per ribadire ai cronisti presenti di volere «un’Europa diversa, che difenda la sicurezza , rilanci il lavoro , la famiglia e l’identità cristiana del nostro continente».

Prima della conferenza stampa congiunta con il primo ministro ungherese, Matteo Salvini si è augurato, dal suo profilo twitter, che «anche la nuova Europa, dal 27 maggio, proteggerà i confini via terra come fa l’Ungheria e via mare come fa l’Italia, anche rivedendo tutti gli accordi con i Paesi extra-UE che non collaborano ai piani di RIMPATRIO degli immigrati clandestini».

 

(Credits immagine di copertina: ANSA/MATTEO GUIDELLI)