Matteo Salvini e la battuta allo studente: «Non sei andato a scuola? Hai fatto bene»

di Federico Pallone | 05/06/2019

Matteo Salvini
  • L'ennesima battuta fuori luogo del ministro dell'Interno

  • Il vicepremier leghista ha scherzato con un ragazzo che non è andato a scuola

  • Troppo ghiotta l'occasione per lasciarsela sfuggire di fronte ai suoi sostenitori

«Non sei andato a scuola, vero? Bravo, hai fatto bene». Matteo Salvini, ad Ascoli Piceno a margine della cerimonia del duecentocinquesimo anniversario dell’Arma dei Carabinieri, si è rivolto così a un ragazzo. Il ministro dell’Interno stava salutando i suoi sostenitori, quando ha notato il giovane tra la folla.

LEGGI ANCHE > Salvini dà l’ultimatum che Conte non aveva dato: 15 giorni

Il video di Matteo Salvini ad Ascoli Piceno

Come si vede nei secondi iniziali della diretta pubblicata dallo stesso Salvini sulla propria pagina Facebook ufficiale, il ragazzo ha allungato la mano verso il vicepremier leghista: «Ciao Matteo», ha detto sorridendo. Salvini non si è sottratto e ha risposto con una battuta: troppo ghiotta l’occasione per lasciarsela sfuggire di fronte ai propri sostenitori. Non si tratta proprio di una frase istituzionale, dal momento che il ministro dell’Interno su alcune cose dovrebbe dare l’esempio. L’approvazione a un comportamento comunque sbagliato non sembra essere opportuna per il ruolo che ricopre e per l’esposizione che Matteo Salvini ha costantemente attraverso tutti i canali comunicativi, dai media tradizionali ai social network.

«Crisi di governo? Io lavoro da un anno, come gli altri ministri»

In merito alle tensioni di governo scaturite dalle dichiarazioni del premier Giuseppe Conte, Salvini ha voluto rassicurare tutti: «Sono contento del rinnovato clima di collaborazione. Il cammino del governo – ha osservato il vicepremier – non si è mai interrotto: tante polemiche giornalistiche, qualche polemica eccessiva, qualche insulto fuori luogo. Io lavoro da un anno, come gli altri ministri, i parlamentari e i sindaci».

[CREDIT IMAGE: ANSA/SANDRO PEROZZI]