Mario Giordano con il gilet giallo e il fischietto per prendere in giro Boccia sugli assistenti civici

di Gianmichele Laino | 27/05/2020

Mario Giordano
  • Mario Giordano ha fatto un monologo sugli assistenti civici

  • Ha usato fischietto e giubbotto giallo

  • E ha preso in giro il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia

Un fischietto assordante e il gilet giallo. In questo modo Mario Giordano ricama sulla proposta fatta dal ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia per l’istituzione di 60mila assistenti civici. Nel corso della trasmissione Fuori dal Coro, nell’ormai tradizionale monologo iniziale dal carattere giullaresco, il giornalista si è presentato con giubbotto catarifrangente e con un fischietto da vigile urbano, per fare la parodia di quello che, secondo lui, sarà il ruolo dell’assistente civico.

LEGGI ANCHE > Mario Giordano chiede scusa per le frasi di Feltri sui meridionali e cancella i confini tra le regioni

Mario Giordano e la presa in giro di Boccia con fischietto e gilet giallo

In realtà, nel suo monologo iniziale ci sono diversi errori, sia di stile, sia di contenuto. Il giubbotto degli assistenti civici, per esempio, sarà blu e non giallo (lo ha mostrato Boccia in diretta al TG1, ma forse la pettorina catarifrangente è un omaggio al movimento dei gilet jeaunes che ha animato la Francia nei mesi scorsi). Così come è sbagliato associare queste figure ai fischietti e alle palette tipici dei vigili urbani, dal momento che non avranno un ruolo di polizia giudiziaria, non potranno fare multe e non avranno alcun potere coercitivo nei confronti della popolazione.

Anche su questo, tuttavia, Mario Giordano ha scherzato: «Combatteranno la movida così, con il sorriso – ha detto, rivolgendo una smorfia in favor di camera -: Boccia, Boccia! A volte queste personalità mi danno l’impressione che, rinchiuse nei loro palazzi, non hanno idea di quello che sta accadendo fuori».