Luca Barbareschi: «Al 90% il Teatro Eliseo chiuderà, così vogliono i 5 Stelle»

di Federico Pallone | 03/12/2019

Luca Barbareschi
  • Secondo Luca Barbareschi, ci sono poche speranze per non far chiudere il Teatro Eliseo

  • E afferma di sapere di chi è la colpa

«Tra pochi giorni sapremo se il teatro il prossimo anno ci sarà, ma al 90% saremo costretti a chiudere, perché così vogliono i Cinque Stelle e il Comune di Roma». Lo ha detto Luca Barbareschi, direttore del Teatro Eliseo, durante la presentazione dell’ultimo spettacolo ‘Il cielo sopra il letto’, di cui è regista e interprete insieme a Lucrezia Lante della Rovere, al debutto nazionale il 17 dicembre. «Mi batterò fino all’ultimo avviso di garanzia», ha proseguito, facendo riferimento al recente rinvio a giudizio (con l’accusa di traffico di influenze illecite dalla Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta sui fondi al Teatro Eliseo), «e di certo non trufferò il pubblico: finirò la programmazione degli spettacoli. Quando ho ristrutturato l’Eliseo e ci ho messo i soldi per me è stata una restituzione affettiva alla città per far capire ai miei figli che è importante vivere in una comunità».

LEGGI ANCHE –> Barbareschi cancella le repliche degli attori disabili, la risposta: «Non hai sensibilità»

Il processo contro Luca Barbareschi per i fondi al Teatro Eliseo

Durante una conferenza stampa, indetta da Luca Barbareschi all’indomani della decisione del rinvio a giudizio con lex ragioniere generale dello Stato, Andrea Monorchio, e una terza persona nell’ambito dell’indagine sui fondi da destinare al Teatro Eliseo, Barbareschi si era detto «pronto a presentare le dimissioni da direttore artistico qualora fossi io il problema». Gli imputati sono accusati di traffico di influenze illecite per fare ottenere all’Eliseo quattro milioni di euro dalla Finanziaria del 2017. «Il traffico di influenze non esiste – continua Barbareschi – Sono colpevole di quello che sto facendo da sei anni, bussare alle porte dei politici per portare attenzione sulla vita culturale di questo Paese. Ma non credo sia una colpa, lo fanno tutti i maggiori teatri italiani. La mia colpa è stata quella di riuscire a salvare e a rilanciare l’Eliseo nel 2015. Se non arriveranno finanziamenti oltre a quelli stabiliti dal Fus, chiuderemo a fine stagione».

[CREDIT PHOTO: ANSA/ ETTORE FERRARI]