Juan Guaidò: «Il tempo di Maduro sta scadendo, il mondo ci sostenga»

di Gaia Mellone | 31/01/2019

Guaidó
  • L'editoriale scritto da Juan Guaidò per il New York Times nel girono del voto dell'Unione Europea

  • La sua non può definirsi una «autoproclamazione» ma una «adesione alla costituzione»

  • L'oppositore di Maduro invoca il sostegno internazionale

Con un lungo articolo d’opinione, Juan Guaidò si rivolge al Venezuela e al mondo dalle pagine del New York Times, invocando unione e resilienza contro il regime di Nicolas Maduro. «Ancora una volta affrontiamo la sfida di ripristinare la nostra democrazia e ricostruire il paese» scrive il presidente autoproclamato «questa volta in mezzo a una crisi umanitaria e alla conservazione illegale della presidenza da parte di Nicolás Maduro».

LEGGI ANCHE > La Cgil sconfessa Juan Guaidó: «Ci appelliamo al governo per il rispetto dello stato di diritto»

Juan Guaidò per il New York Times: «non solo è in gioco la sopravvivenza della nostra democrazia, ma lo stesso destino della nostra nazione»

La situazione del Venezuela è di una gravità quasi senza precedenti: «Vi sono gravi carenze di prodotti alimentari e medicinali , infrastrutture essenziali e sistemi sanitari sono crollati, un numero crescente di bambini soffre di malnutrizione e sono riemerse malattie precedentemente sradicate» scrive Juan Guaidò per il New York Times. «Abbiamo uno dei più alti tassi di omicidio al mondo , aggravato dalla brutale repressione del governo sui manifestanti. Questa tragedia ha provocato il più grande esodo nella storia dell’America Latina, con tre milioni di venezuelani che ora vivono all’estero». Guaidò ricorda il passato venezuelano di soppressione di diritti, ricorda Chavez, le  prime percezioni ancora da bambino della politica, e le lotte studentesche. «La lotta per la libertà ha fatto parte del nostro DNA sin da quando l’indipendenza è stata raggiunta in America Latina 200 anni fa – continua Guaidò sul New York Times –  In questo secolo siamo scesi in piazza ripetutamente, sapendo che non solo è in gioco la sopravvivenza della nostra democrazia, ma lo stesso destino della nostra nazione».

Juan Guaidò: «Nessuna auto-proclamazione, è tutto scritto nella nostra costituzione»

Oggi il Parlamento Europeo voterà sul riconoscimento della presidenza di Juan Guaidò, che si è auto proclamato presidente del Venezuela il 23 gennaio. Ma parlare di autoproclamazione, spiega lui stesso, non è corretto. «La mia una discesa come presidente ad interim si basa sull’articolo 233 della Costituzione venezuelana, secondo il quale, se all’inizio di un nuovo termine non c’è nessun capo di stato eletto, il potere spetta al presidente dell’Assemblea nazionale fino  allo svolgimento libero e trasparente di nuove elezioni». Questo è il motivo per cui il giuramento pronunciato dalla piazza «non può essere considerato un “auto-proclamazione”. Non è stato di mio accordo che ho assunto la funzione di presidente quel giorno, ma in aderenza alla Costituzione» spiega Guaidò. «Vorrei essere chiaro riguardo alla situazione in Venezuela: la rielezione di Maduro il 20 maggio 2018 è stata illegittima , come è stato riconosciuto da gran parte della comunità internazionale – continua a scrivere nell’editoriale – Il suo mandato originale di sei anni terminerà il 10 gennaio. Continuando a rimanere in carica, Nicolás Maduro sta usurpando la presidenza».

Maduro non sta solo usurpando la presidenza, ma perpetrando crimini e violenze inaccettabili, continua Guaidò: «Sotto il sig. Maduro almeno 240 venezuelani sono stati assassinati alle marce e ci sono 600 prigionieri politici , incluso il fondatore del mio partito, Leopoldo López , che è stato prigioniero per cinque anni. Quando le tattiche repressive si rivelano futili, il signor Maduro e i suoi scagnozzi propongono in modo ingannevole il “dialogo”. Ma siamo diventati immuni da tale manipolazione. Non ci sono più acrobazie lasciate a loro da tirare. L’usurpazione del potere era la loro unica opzione rimanente».

L’appello internazionale: «Maduro è illegittimo, la nostra risposta è triplice»

«Più di 50 paesi hanno riconosciuto me o come presidente ad interim o l’Assemblea nazionale come autorità legittima in Venezuela. Ho fatto appello ad António Guterres, al Segretario generale delle Nazioni Unite, nonché a diverse agenzie umanitarie, per sostenere l’allentamento della crisi umanitaria» scrive Juan Guaidò, nel giorno in cui anche l’Unione Europea si pronuncerà in merito alla sua presidenza. «Dato che il regime di Maduro non può legittimamente mantenere il potere, la nostra risposta è triplice» scrive Guaidò invocando il sostegno internazionale. «In primo luogo, sostenere l’Assemblea nazionale come ultimo baluardo della democrazia; in secondo luogo, consolidare il sostegno della comunità internazionale, in particolare il gruppo di Lima, l’Organizzazione degli Stati americani, gli Stati Uniti e l’Unione europea; e terzo, indirizzare le persone, sulla base del loro diritto all’autodeterminazione».

(Credits immagine :  Rafael Hernandez/dpa/Ansa )