Cos’è il “Januhairy” e cosa c’entra il cambiamento climatico con la body positivity

di Gaia Mellone | 03/01/2020

Il 2020 è appena cominciato, e con esso anche i trend: spesso spinti da hashtag ammiccanti, promuovono uno stile di vita più sano per un mese, o una l’impegno in una causa meritevole. E dopo il Dry January, ovvero la scelta di non bere alcool per tutto il mese di Gennaio per disintossicarsi dalle bevute delle feste natalizie, adesso Gennaio è anche il mese in cui si possono unire lotta alla deforestazione e body positivity: è il Januhairy.

Cos’è il “Januhairy” e cosa c’entra il cambiamento climatico con la body positivity

LEGGI ANCHE> Instagram ora chiederà ai bulli se sono sicuri di voler postare un commento d’odio

Simile al Movember ( unione di Mustache, baffi, e November, novembre), il Januhairy invita le donne di tutto il mondo a smettere di rimuovere i peli superflui sul proprio corpo. Una campagna lanciata per la prima volta da una studentessa inglese nel 2018, che a Metro spiegò come l’intento fosse quello di promuovere un messaggio di autoaccettazione: «Ho pensato di fare Januhairy, per aiutare le donne a sentirsi in uno spazio sicuro per sfidare le norme incorporate della rasatura» dichiarò.

E il responso fu immediato: sui social network le ragazze cominciarono a postare immagini delle ascelle delle gambe e delle braccia non depilate. E tra le immagini raggruppate sotto l’hashtag, si possono vedere anche giochi di colore e autoironia. Quest’anno però, il Januhairy ha deciso di abbracciare una causa in più oltre a quella della body positivity, ed è la deforestazione. Nel 2020 infatti la partnership ufficiale è con le “treesister”. Una associazione che oltre a promuovere uno stile di vita più vicino alla spiritualità femminile e al mondo della natura, combatte anche la deforestazione nel mondo. Sul sito ufficiale infatti si possono fare donazioni per supportare le donne che abbracciano il Januhairy e allo stesso finanziare il riboscamento sul pianeta. «Per Januhairy 2020, le donne di tutto il mondo si stanno facendo crescere i peli del corpo per il mese di gennaio, tutti per raccogliere fondi per TreeSisters – si legge sul sito ufficiale – un’organizzazione fantastica, che protegge e ripristina gli habitat naturali al fine di combattere i cambiamenti climatici; una condizione con cui risuoniamo come donne che desiderano abbracciare e proteggere il nostro habitat naturale personale».

View this post on Instagram

Hairy New Year!! Today marks the first day of #januhairy2020 where women all over the world come together to drop our razors for the month of January. The focus may be on women, but this doesn’t mean we exclude the experiences of other genders and identities in this conversation! Lets educate one another on all experiences with this ‘prickly’ subject. Our focus this year is to support Tree Sisters in protecting, restoring and funding reforestation… ‘We envision a world in which it is normal for everyone to protect and restore themselves and their world.’ @treesisters_official A plight we resonate with as women who want to protect and restore our personal natural habitats! Even if you are not personally joining in with januhairy this year, I encourage you to talk about it with others; if we see the same things again and again, it becomes normal. I hope the new year has wonderful things in store for each and every one of you!

A post shared by Januhairy (@januhairy) on

(Credits immagine di copertina: Instagram januhairy)

TAG: januhairy