Il primo vero sganciamento di Italia Viva dal Pd: niente appoggio a Emiliano in Puglia

di Redazione | 14/01/2020

Italia Viva

Michele Emiliano, con il 70% delle preferenze, è stato indicato come prossimo candidato per il Partito Democratico in Puglia. La sua conferma per un eventuale secondo mandato è stata ovviamente stigmatizzata da Italia Viva: Michele Emiliano, ai tempi della convivenza con Matteo Renzi all’interno del Partito Democratico, è sempre stato una voce contro rispetto alla linea dell’allora segretario, tanto da presentarsi anche alle primarie dem con una corrente minoritaria.

LEGGI ANCHE > Renzi spacca la maggioranza sulle fondazioni e non fa votare il carcere agli evasori 

Italia Viva correrà da sola in Puglia

Va da sé che, una volta uscito dal Partito Democratico, Matteo Renzi abbia sempre individuato nella  gestione della regione Puglia un target contro cui scagliarsi per provare a costruirsi la propria identità e la propria originalità politica. Per questo motivo, quindi – nel corso della trasmissione L’aria che tira su La7 – Matteo Renzi ha fatto sapere che Italia Viva proporrà un altro candidato nelle elezioni in Puglia.

«La Puglia di Emiliano è l’emblema dell’alleanza culturale con il grlillismo: Ilva, Tap, la Xylella, la Banca popolare di Bari che non doveva diventare una Psa. In Puglia noi presenteremo un candidato diverso da Emiliano» – ha detto Renzi che, del resto, insieme al Movimento 5 Stelle si trova al governo.

Italia Viva e la solita avversione di Renzi per Emiliano

Sarà il primo confronto diretto da avversari tra Matteo Renzi e il Partito Democratico. Una sorta di desistenza era stata in qualche modo pattuita per quanto riguarda l’Emilia-Romagna e la Calabria. Del resto, Matteo Renzi aveva detto – al momento della fondazione di Italia Viva – che il suo nuovo soggetto politico non si sarebbe presentato in nessuna competizione elettorale in questo primo anno dal lancio del nuovo simbolo. Anche per evitare una conta sin troppo impietosa per il suo neonato movimento politico.

L’occasione pugliese sarà la prima prova, in ordine di tempo, per misurare effettivamente la capacità di Italia Viva in una competizione reale, al di là dei sondaggi di questi primi mesi. La sfida con Michele Emiliano rappresenta da sempre una sorta di piatto principale del menu del renzismo. Ma è mistero ancora sul candidato da proporre in Puglia: non sarà senz’altro Teresa Bellanova che è già ministro dell’Agricoltura e presidente di Italia Viva. Matteo Renzi sembra aver escluso l’ex sindacalista dalla corsa pugliese.