Isola dei Famosi 2016, tra i concorrenti la trans Efe Bal?

di Redazione | 21/01/2016

Isola dei famosi 2016

Efe Bal, la famosa trans turca,  dovrebbe essere tra i naufraghi dell’Isola dei Famosi 2016. Manca ancora l’ufficialità ma tutto lascia pensare che andrà a far compagnia a Pamela Prati, Matteo Cambi e Enrico Papi. Si tratta di un’anticipazione riferita da Tv Blog.

Isola dei famosi 2016
Efe Bal alla prima della Scala, 7 dicembre 2015 ANSA / MATTEO BAZZI

LEGGI ANCHE: Isola dei famosi 2016: Pamela Prati, Enrico Papi e Matteo Cambi primi nomi ufficiali

ISOLA DEI FAMOSI 2016 EFE BAL

Efe Bal è un personaggio noto diventato famoso sui giornali negli ultimi mesi sia per un periodo di vicinanza alle idee politiche di Matteo Salvini sia perché durante la Prima della Scala, il 7 dicembre 2015, si è buttata nella buca dell’orchestra dopo aver mostrato un cartello con scritto: “regolarizziamo la prostituzione per un’Italia giusta ed equa”. Efe Bal all’Isola dei Famosi potrebbe trovare quello spunto mediatico necessario per diventare un personaggio nazionale. Tuttavia, ribadiamolo, manca ancora l’ufficialità da parte della produzione. Sicuramente non mancheranno le polemiche.

ISOLA DEI FAMOSI 11, EFE BAL E LA SUA VICINANZA A MATTEO SALVINI

Come detto Efe Bal ha guadagnato visibilità a livello nazionale dopo aver manifestato la propria vicinanza alle posizioni di Matteo Salvini sul tema della legalizzazione della prostituzione. Al momento i rapporti tra la trans di origine turca e la Lega Nord sembrano congelati ma certo non è svanita la simpatia nei confronti del segretario del Carroccio. Lo testimonia un’intervista rilasciata da Efe Bal a Dagospia nel 2014:

Sono diventata una “salviniana” coi fiocchi. Anche se sono convinta che Matteo a letto sia un animale dolce e feroce e dalle dimensioni notevoli, mi creda per lui provo solo un affetto infinito. So di non poterlo avere. Non ora. Non subito. Lui è il mio sogno erotico. L’istinto primordiale della mia carne. L’uomo con cui farei una famiglia. Io, Matteo, lo amo. Una che fa il mio lavoro si innamora della testa dei maschi. Della loro umanità. Certo se a questa si unisse la fisicità non direi certo di no. Ma sono speranzosa.