IG Nobel 2019: il premio per la medicina va alla pizza, ma solo se italiana

di Redazione | 17/09/2019

ig nobel 2019
  • Sono stati assegnati gli IG Nobel

  • Si tratta delle ricerche più improbabili nel mondo della scienza

  • Un riconoscimento va anche alla pizza, ma solo se Made in Italy

And the winner is…pizza (italiana)! Come fa un alimento a vincere un Nobel per la medicina? Tutto è possibile quando si parla degli IG Nobel, gli Improbable Research Nobel. Si tratta di riconoscimenti al lato più frivolo della scienza, ovvero tutte quelle ricerche scientifiche che mirano «prima a far ridere e poi a far pensare». Acclamare il lato della scienza che assegna un Nobel per la medicina alla pizza e a tante altre strampalate ricerche ha uno scopo ben preciso: solleticare l’attenzione delle persone per le scienze e la tecnologia. Vediamo allora perché la pizza è stata premiata agli IG Nobel 2019 e quali sono gli altri premi assegnati.

Nobel alla pizza per le sue proprietà anticancro (ma solo se italiana)

Nella serata del 16 settembre il Sanders Theatre della Harvard University di Cambridge (Massachusetts) sono stati assegnati i Nobel alle ricerche più improbabili che hanno ottenuto i migliori risultati. Il premio per la medicina è stato assegnato all’alimento made in Italy per eccellenza, la pizza. Riprodotta in tutto il mondo e in ogni paese a modo proprio, a vincere il Nobel per la medicina grazie alle sue proprietà anticancro è stata la pizza italiana. Il riconoscimento è stato assegnato a Silvano Gallus, ricercatore a capo del laboratorio di epidemiologia degli stili di vita dell’Istituto Mario Negli di Milano, per aver provato come la pizza possa proteggere da malattie e morte se prodotta e consumata in Italia.

Le prime tracce di questa ricerca si possono trovare già nei primi anni Duemila, quando Gallus aveva dimostrato come infarti e tumori del tratto digestivo (in particolare orofaringei, al colon e all’esofago) fossero contrastati da un regolare consumo di pizza. Questo studio è stato pubblicato nel 2006 dallo European Journal of Cancer Prevention  con il titolo Consumo di pizza e rischio di cancro al seno, alle ovaie e alla prostata. Un ulteriore approfondimento in merito è poi stato pubblicato nel 2013 sull’International Journal of Cancer col titolo La pizza protegge dal cancro?. Come mai, però, viene specificato che la pizza deve essere italiana? Proprio in questa spiegazione lo studio trova concretezza: l’efficacia della pizza contro il cancro va ricercata negli ingredienti con cui viene preparata.

Gli ingredienti con cui viene preparata la pizza sono considerati protettivi a partire dalla salsa di pomodoro ma il punto è un altro: si tratta di ingredienti tipici della dieta mediterranea il cui consumo apporta una serie di benefici sulla salute dimostrati da moltissimi studi, ha precisato Gallus. Questo studio ha senso solo se si parla di pizza italiana, poiché se andassimo a studiare il piatto italiano per eccellenza come viene inteso negli altri paesi, ci troveremmo davanti un alimento fatto in maniera molto diversa, che segue schemi alimentari differenti e che quindi avrebbe – o non avrebbe – benefici diversi sull’organismo umano in tal senso.

IG Nobel 2019: tutti i premi

Se la ricerca sulla pizza suona assurda vediamo la lista degli altri premi IG Nobel 2019 che sono stati assegnati, considerato anche che a ognuno dei vincitori è stata data come premio una banconota da dieci bilioni di dollari dello Zimbabwe. Una gran cifra? Eh no, considerato che la moneta in questione è fuori corso da dieci anni: ma per tutti rimane il grande riconoscimento di aver ricevuto in Nobel molto speciale.

  • IG Nobel per la formazione medica alla ricerca pubblicata su Clinical Orthopaedics and Related Research che che spiega come addestrare un animale può renderti un chirurgo ortopedico migliore, in particolare imparare i principi della tecnica del “clicker training”.
  • Premio per l’economia alla ricerca che ha provato che non tutte le banconote del mondo trasmettono germi allo stesso modo: sarebbe il Leu romeno a veicolare batteri in modo più efficace rispetto a qualsiasi altra banconota del mondo.
  • Il Nobel per l’anatomia assegnata alla ricerca sull’asimmetria termica dello scroto.
  • IG Nobel per l’ingegneria alla macchina in grado di cambiare pannolini in automatico, idea dell’iraniano Iman Farahbakhsh.
  • Premio per la biologia alla ricerca che misura campi magnetici sulle blatte vive e morte pubblicata su Scientific Reports.
  • IG Nobel per la psicologia alla ricerca che ha provato come sorridere per finta faccia male all’umore.
  • Perché i vombati fanno la cacca quadrata? A questa ricerca sugli escrementi dei marsupiali australiani va l’IG Nobel per la fisica.
  • IG Nobel per la pace al gruppo di ricercatori che ha scoperto che non tutti i pruriti si presentano nello stesso modo e che il sollievo che deriva dal grattarsi cambia a seconda della parte del corpo.

 

TAG: Medicina