Greta in Italia, gli insulti di Libero: «Vieni avanti Gretina»

di Gianmichele Laino | 18/04/2019

Greta in Italia titolo Libero
  • Greta Thunberg è arrivata in Italia: ieri la visita al Papa

  • Oggi, l'attivista 16enne andrà in Senato a incontrare la Casellati

  • Su alcuni giornali parte l'insulto libero alla ragazzina svedese

Siamo questi qui. Quelli che riescono a prendersela anche con una ragazzina di sedici anni che – al di là di tutto – è riuscita a riportare, grazie al suo peregrinare e ai suoi scioperi da scuola del venerdì (i famosi Fridays for Future), al centro del dibattito politico la battaglia sul clima che, qui in Italia, sembrava qualcosa da relegare alle moderne democrazie scandinave, che non hanno altre distrazioni (tipo crollo del pil o corruzione in politica) per occuparsi dei temi seri. Greta in Italia dà un messaggio: anche noi, in questo nostro Paese martoriato dagli scandali e che risponde alla crisi economica con quota 100 e con il reddito di cittadinanza, possiamo parlare di quello che sta succedendo al nostro pianeta.

LEGGI ANCHE > Greta, gli haters illustri e quell’odio sconsiderato per il principio di realtà

Greta in Italia e i giornali scatenano titoli da haters

Discorsi che, evidentemente, a molti giornali – specialmente quelli di destra – non piacciono. Eppure, quella sul clima non è una battaglia dal colore politico. È un tema trasversale, che potrebbe essere sposato da chiunque abbia senso civico. Invece, titoli come quelli di Libero – che danno così il benvenuto a Greta in Italia -, non fanno altro che caratterizzare la battaglia sul clima, individuandola come un qualcosa della sinistra.

«La rompiballe va dal Papa» si legge nel nove colonne del giornale di Vittorio Feltri. E nell’occhiello attribuisce anche un virgolettato che non può essere del papa: «Bergoglio in Vaticano: ‘Vieni avanti Gretina’». Un chiaro riferimento a quel ‘Vieni avanti cretino’, film della commedia all’italiana interpretato da Lino Banfi.

La battaglia di una certa stampa contro Greta in Italia

Il Tempo scrive della visita di Greta al Papa come di un sacrificio del pontefice («Anche al papa tocca benedire Greta»), accompagnando l’articolo in prima con l’ormai immancabile vignetta di Osho su Greta Thunberg (un nuovo filone dell’autore satirico). Il Giornale cade nella banalità dei «gretini» («Il comunismo verde dei gretini ora sbarca in Vaticano») e ancora una volta attribuisce un determinato connotato politico alla battaglia per il clima.

Si possono avere delle perplessità sul modo di gestire la popolarità da parte di Greta Thunberg. Si può (ma davvero?) anche essere in disaccordo con la battaglia a tutto campo contro il riscaldamento globale. Ma questi titoli restano quello che sono: insulti a una ragazzina di 16 anni.