L’ultima lettera di Giovanni Asperti, l’uomo che ha lasciato tutto per combattere l’Isis

di Enzo Boldi | 09/01/2019

Giovanni Asperti
  • Giovanni Asperti, l'ingegnere morto in Siria al fianco dei curdi

  • Nella sua ultima lettera invitava i familiari a non cercarlo

  • Aveva abbandonato tutto per andare in guerra contro l'Isis

La sua missione e i suoi ideali veniva prima di tutto. Prima della sua Laurea in ingegneria alla Bocconi, prima di sua moglie e dei suoi due figli adolescenti. L’obiettivo di Giovanni Asperti era quello di combattere l’Isis al fianco dei curdi, per liberare il Medio Oriente dalle barbarie del Daesh e da quei guerriglieri che, celandosi dietro a una lotta di religione in nome di Allah, ha sparso sangue e miseria nelle zone della Siria e del Kurdistan.

Nella sua ultima lettera indirizzata ai suoi fratelli e datata 20 luglio 2018, pubblicata quest’oggi da La Repubblica, il 53enne partito da Ponteranica per andare a combattere l’Isis indicava con grande chiarezza la sua strada, con tanto di rischio calcolato. «Faccio conto di non tornare mai più, e non nel senso che vivrò là il resto dei miei giorni: nel senso che cercherò attivamente la morte liberatrice sul campo. Vado a fare la guerra per i curdi».

La lettera di Giovanni Asperti alla sua famiglia

Giovanni Asperti aveva contezza di ciò che sarebbe potuto capitare e che poi, per sua sfortuna, è accaduto lo scorso 7 dicembre a Derik, a pochi chilometri dal confine con la Siria. La Ypg (l’Unità di Potezione popolare filo-curda) ha comunicato il suo decesso nei giorni scorsi, parlando di «sfortunato incidente, mentre compiva il suo dovere». Il suo nome da combattente al fianco dei curdi e contro le milizie dell’Isis era Hiwa Bosco, che in italiano significa ‘speranza’.

«Non vado lì per fare il terrorista»

«Non vado a fare il terrorista – spiegava Giovanni Asperti nella sua lettera -. Vado a fare la guerra per i curdi. Ma chiariamo bene questo punto: non vado a fare il mercenario. Quel che vado a fare non prevede corrispettivo, lo si fa gratis. Io sono fiero di quello che vado a fare». A fare rumore, dopo la notizia della sua morte, era lo status sociale dell’uomo diventato foreign fighters contro l’Isis. Laureato alla Bocconi in Ingegneria, era cresciuto in una famiglia di intellettuali. Studiava e leggeva molto, con la sua passione per la geologia portata avanti nei momenti che riusciva a ritagliarsi. Era in tecnico petrolifero con un passato in una grande azienda come l’Eni, era marito e padre di due figli adolescenti. Il fratello più grande, Stefano, è il preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma.

Un profilo inaspettato dietro la storia di Giovanni Asperti. La sua lettera ai fratelli si chiude con un invito laconico ad accettare la sua decisione: «Non perdete tempo a cercare di chiamarmi. No internet, no telefono, no smartphones. Nulla. Ciao».

(foto di copertina da profilo Facebook di Claudio Locatelli, il giornalista combattente)