Per Giorgia Meloni la legge sulla legittima difesa è deludente

di Gaia Mellone | 28/03/2019

Giorgia Meloni legge legittima difesa deludente
  • La legge sulla legittima difesa è passata in via definitiva al Senato con 201 voti contrari

  • Matteo Salvini entusiasta sui social: «Che splendida giornata»

  • Giorgia Meloni ingoia il rospo: «Legge deludente»

Oggi per Matteo Salvini è «una giornata splendida» grazie all’approvazione del Senato della legge sulla legittima difesa, uno dei temi simbolo della Lega. È stato approvato con 201 voti favorevoli, ma tra questi ce ne sarebbero anche alcuni dolce-amari, come quello di Giorgia Meloni che su Twitter definisce il testo approvato «un’occasione persa».

Per Giorgia Meloni la legge sulla legittima difesa è deludente

Giorgia Meloni non è entusiasta del testo finale della legge sulla legittima difesa, anzi . Sul suo profilo Twitter la deputata di Fratelli d’Italia scrive in maniera perentoria: «nuova legge, vecchi difetti». Secondo Meloni infatti la collaborazione tra Movimento 5 Stelle e Lega sul testo finale ha sortito effetti negativi per la legge. I due partiti al governo, spiega nel tweet, «lasciano discrezionalità ai giudici e principio di difesa commisurata all’offesa». Dettagli significativi che inficiano il progetto originario perché, continua a cinguettare Giorgia  Meloni, «per Fratelli D’Italia la difesa è sempre legittima». Il risultato ottenuto oggi quindi è solo una mezza vittoria. Pur avendolo votato, la presidente di FdI definisce il «testo è un’occasione persa». E la colpa, è dei pentastellati: «col Movimento 5 stelle il risultato è sempre deludente» conclude nel tweet.

(Credits immagine di copertina: ANSA/CLAUDIO LATTANZIO)

https://twitter.com/GiorgiaMeloni/status/1111293401704599554