Germanwings dice che i passeggeri, che hanno urlato e assistito alla lite con Lubitz, non si sono accorti di morire

di Redazione | 12/08/2019

Germanwings

Germanwings afferma che quanto accaduto nel 2015, in quel maledetto incidente aereo che ha visto un uomo – Andreas Lubitz – rendersi protagonista di un omicidio-suicidio all’interno del quale sono morte 151 persone, si è sviluppato senza che i passeggeri si accorgessero di nulla. È questo il contenuto di una lettera indirizzata alla famiglia di Marlies Weiergräber, di Krefeld in Renania Settentrionale-Vestfalia, una delle vittime dell’incidente aereo.

LEGGI ANCHE > Andreas Lubitz, la battaglia per la verità di chi ha perso figlia e nipote sul volo Germanwings

Germanwings, la risposta beffa alle famiglie

Una lettera che ha destato diverse polemiche. Il 24 marzo 2015, infatti, prima che l’aereo si schiantasse c’era stato un tentativo, da parte del pilota dell’aereo, di entrare nella cabina di pilotaggio all’interno della quale si era chiuso lo stesso co-pilota Andreas Lubitz. Il pilota colpì ripetutamente la porta della cabina con un’ascia, tra le urla dei passeggeri. Tutto questo è stato documentato dalla scatola nera dell’aereo, che ha emesso già tempo fa il suo verdetto.

La famiglia Weiergräber sta lottando da sempre per ristabilire la verità su quello che accadde in volo. Per questo motivo, sta affrontando una causa con la compagnia aerea. Il documento inviato da Germanwings, infatti, va proprio nella direzione di offrire delle risposte alla famiglia che sta portando avanti la battaglia legale.

Le richieste della famiglia delle vittime del volo Germanwings

Quest’ultima si basa sul fatto che il co-pilota della Germanwings fosse in condizioni psicologiche molto precarie e sul fatto che la compagnia aerea non abbia fatto abbastanza per accertare il suo stato di salute. L’uomo, protagonista di un omicidio-suicidio, era caduto in un forte stato di depressione in seguito alla conclusione traumatica di una relazione sentimentale. La spiegazione di Germanwings ai familiari delle vittime getta un’ulteriore macchia sulla compagnia aerea. Che sembra davvero essersi arrampicata sugli specchi affermando che 151 persone non si siano accorte di andare in contro alla morte, mentre un uomo aveva preso possesso della cabina di pilotaggio di un aereo di linea.

FOTO: Geoffroy Cournut/ABACAPRESS.COM