Uccise una gattina con un colpo di carabina: patteggia un anno e dieci mesi di reclusione

di Redazione | 05/06/2019

gattina uccisa
  • Una gattina era stata uccisa e maltrattata a Budoni nell'agosto 2016

  • Il trentenne di Olbia protagonista del gesto ha patteggiato un anno e dieci mesi

  • L'Enpa: "Nessun patteggiamento potrà restituirci la vita di una gattina di 18 mesi"

Più colpi di carabina, uno che raggiunse l’addome di una gattina uccisa a Budoni, in provincia di Sassari in Sardegna. I fatti risalgono al 2016: a dare l’allarme fu un turista in vacanza in agosto, allarmato dai continui miagolii della gattina e dai colpi di arma da fuoco che aveva sentito. Ora, un trentenne di Olbia ha patteggiato una pena di un anno e dieci mesi – oltre al pagamento di una multa complessiva da 3200 euro – per maltrattamento di animali.

Gattina uccisa, il patteggiamento al tribunale di Nuoro

In questi giorni, la decisione è stata presa dal tribunale di Nuoro, in un processo in cui l’Enpa, l’ente nazionale per la protezione animali, si era costituito parte civile. L’avvocato Claudia Ricci ha portato le istanze dell’ente nell’aula di tribunale e ha contribuito a chiarire i fatti accaduti ormai tre anni fa. La gattina aveva soltanto 18 mesi ed era stata raggiunta da un colpo mortale all’addome, impossibile da guarire nonostante i tempestivi interventi veterinari. A complicare il suo quadro clinico, anche il fatto che l’uomo avesse ripetutamente colpito l’animale con il calcio della sua carabina.

Gattina uccisa, il commento dell’Enpa

«L’auspicio è che tali comportamenti vengano isolati sempre di più – ha detto la presidente dell’Enpa Carla Rocchi -. Anche se, davanti a questi comportamenti, non ci sono condanne né patteggiamenti che tengano, perché nulla potrà restituire la vita alla povera vittima». La fattispecie di reato che ha investito il trentenne di Olbia è quello di maltrattamento di animali: è previsto dall’art. 544-ter del codice penale e normalmente viene punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5000 euro a 30000 euro con pena aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell’animale. Il patteggiamento, in questo caso, ha impedito ai giudici di applicare una sanzione più severa rispetto all’anno e dieci mesi di reclusione e alla cifra di 3200 per la multa.

[FOTO di repertorio su gatti e animali domestici]

TAG: gattino