Funghetti allucinogeni, la droga più «sicura». Ma solo se sapete riconoscerli

di Gianmichele Laino | 30/05/2017

funghetti allucinogeni

In Gran Bretagna li chiamano «magic mushrooms». I funghetti allucinogeni, secondo quanto riportato dal Guardian, sono la droga più «sicura» e chi li utilizza può essere considerato sensibile alla tematica dell’utilizzo consapevole di sostanze stupefacenti. L’affermazione su basa sui dati della Global Drug Survey del 2017, un’indagine-report sul consumo di droghe.

LEGGI ANCHE: «La bistecca con l’LSD»

CARATTERISTICHE DEI FUNGHETTI ALLUCINOGENI

Alcuni ricercatori, esperti del settore, rivelano che i funghetti allucinogeni hanno effetti simili a quelli causati dall’LSD, ma sono molto più deboli e, quindi, meno dannosi per la salute. Inoltre, causano un senso di euforia che non è paragonabile a quello delle altre sostanze stupefacenti: si tratterebbe di una sorta di esperienza interiore, una esplorazione di se stessi. Non è un caso che la maggior parte delle persone intervistate che hanno utilizzato i funghetti allucinogeni si sia dichiarata soddisfatta della propria esperienza.

Gli studi sull’impiego di questi allucinogeni non mostrano affatto incrementi di problemi a livello di salute mentale, causati invece da stupefacenti come la cannabis e la cocaina se utilizzati in maniera continua. Tra le 10mila persone prese in esame per l’esperimento, infatti, solo lo 0,2% ha avuto bisogno di un trattamento medico dopo l’assunzione. Inoltre, non sono stati evidenziati problemi di allucinazioni o attacchi di panico e non si sono registrati problemi su altri organi interni.

CONTROINDICAZIONI DEI FUNGHETTI ALLUCINOGENI

I funghetti allucinogeni, inoltre, sarebbero utili anche a migliorare casi clinici di depressione, specialmente se al paziente venissero somministrati in maniera inconsapevole. Tuttavia, esistono anche delle controindicazioni. Innanzitutto, l’utilizzo di funghetti allucinogeni è illegale; sui più giovani potrebbe creare una maggiore vulnerabilità; infine, non sempre è facile distinguere questi funghi al momento del loro ritrovamento: infatti, i normali allucinogeni sono molto simili all’Amanita muscaria, specie tossica che potrebbe causare gravi danni all’intestino.

(FOTO: ARCHIVIO/ANSA)