Smettetela di citare frasi a caso di Sandro Pertini

L'ultima che circola sui social riguarda l'emergenza. Ma non compare in nessuna fonte ufficiale

di Enzo Boldi | 12/10/2020

Frase Pertini su emergenza
  • La meme-crazia, quando la realtà virtuale si trasforma in (presunta) verità

  • È il caso della frase Pertini su emergenza che circola sui social da alcuni giorni

  • Ma non vi è letteratura su quel pensiero dell'ex Presidente della Repubblica

Una volta era Charles Bukowski, ora tocca a Sandro Pertini. La meme-crazia dei social riesce nell’impresa di dare voce anche a chi – purtroppo – non c’è più. Ma non riportando pensieri reali pronunciati quando erano in vita, ma frasi mai dette e riferite a un qualcosa di molto attuale. Tra gli ultimi meme che stanno circolando sui social negli ultimi giorni ce n’è anche uno su una presunta frase Pertini su emergenza. Peccato che non ci sia alcuna fonte ufficiale, se non citazioni riprese da alcuni siti alquanto improbabili.

LEGGI ANCHE > «Vietare le manifestazioni negazioniste? No, le persone devono vedere la stupidità di questi movimenti»

A dare valore di ‘veridicità’ a tutto (e potenza mediatica sui social) è stato un tweet pubblicato da Diego Fusaro sul proprio attivissimo profilo Twitter.

Frase Pertini su emergenza, se la rete attribuisce parole a caso

E qui, al netto della contestualizzazione, viene riportata un’immagine con una frase attribuita a Sandro Pertini: «Le ‘emergenze’ sono sempre il pretesto adoperato da quelli che vogliono erodere la libertà». Un pensiero che, però, non trova conferme. Come spiega Bufale.net, non si può parlare di fake news ma di fonte inesistente. Non c’è nessuna pagina di letteratura politica italiana in cui sia riportato questo pensiero da parte dell’ex Presidente della Repubblica.

Se non lo sai, non pubblicare

Ma accade sempre più spesso. Molti personaggi, contemporanei o defunti, si ritrovano a essere base per alcuni meme che circolano in quest’epoca fatta di social. Attribuzioni, parole mai dette come la frase Pertini su emergenza, poi diventano virali. Gli utenti le condividono, anche in buonafede, pensando si tratti di un qualcosa di reale. Ma, spesso e volentieri, non è così.

(foto di copertina: da Meme su Twitter)