Forza Nuova contro Domenico Lucano alla Sapienza: «No a questo nemico in cattedra»

di Gaia Mellone | 10/05/2019

Forza Nuova contro Domenico Lucano alla Sapienza: «No a questo nemico in cattedra»
  • Lunedì 13 maggio è previsto un intervento di Mimmo Lucano all'università La Sapienza di Roma

  • Forza Nuova ha annunciato che bloccherà il sindaco sospeso, definito «nemico dell'Italia»

  • La replica. «Non mi fanno paura»

Forza Nuova ha organizzato una contestazione all’intervento di Domenico “Mimmo” Lucano previsto per il 13 maggio all’Università La Sapienza di Roma. Il sindaco sospeso di Riace, che viene definito «nemico dell’Italia» dal post Facebook del partito, dice di non avere paura e di avere più voglia di prima di andare a parlare con gli studenti.

LEGGI ANCHE > La Lega punta a Riace, e Mimmo Lucano si candida al consiglio comunale

Forza Nuova contro Domenico Lucano alla Sapienza: «No a questo nemico in cattedra»

«Siamo pronti a bloccare la conferenza del sindaco indagato con un comizio di Roberto Fiore in piazzale Aldo Moro» si legge nel post Facebook di Forza Nuova, che ha organizzato una protesta contro l’incontro con gli studenti di Domenico Lucano all’Università romana, dal titolo «cammino di rinascita di un paese abbandonato». Il partito di estrema destra terrà quindi un convegno del fondatore Roberto Fiore nel piazzale Aldo Moro. «Diremo no a Lucano, no alla sostituzione etnica, no al business dell’accoglienza. Non possiamo tollerare che questo nemico dell’Italia salga in cattedra» continua il post pubblicato su Facebook.

«Io nemico? assurdità, in Italia oggi c’è una deriva fascista»

Domenico Lucano però non ha intenzione di desistere né di promuovere odio. «”Io nemico dell’Italia? Una assurdità» ha dichiarato il sindaco sospeso all’AdnKronos. «La loro protesta non mi spaventa, mi interessa invece parlare agli studenti, che sono il futuro della nostra società. In Italia viviamo un momento difficile in cui ci viene detto che deve prevalere la disumanità – continua Lucano –  si è creato un clima d’odio, di forte contrapposizione sociale, ed è inutile girarci intorno, c’è una deriva fascista».

(Credit Image: © Matteo Trevisan/Pacific Press via ZUMA Wire)