La fake news dei figli di Renzi che giocano con gli amici in barba alla quarantena, l’ex premier: «Denuncio»

di Gianmichele Laino | 03/04/2020

figli di Renzi

Un video virale su WhatsApp, accompagnato da una puntuale descrizione. I figli di Renzi starebbero giocando nel giardino di casa insieme ad altri amici, portati in casa a Rignano dalla scorta del senatore, il tutto in barba alle regole della quarantena. Il video mostra una partita di pallavolo tra cinque persone e fa subito il giro dei social network. Le immagini corrispondono effettivamente all’abitazione del senatore, ma la loro descrizione è completamente falsa, come ricorda lo stesso Matteo Renzi in un audio inviato per smentire la fake news.

LEGGI ANCHE > Renzi in Senato dice che dobbiamo convivere con il Covid-19 per i prossimi due anni

Figli di Renzi, il video e la descrizione fake

Figli di Renzi, la risposta del senatore

«Forse anche a voi è arrivato un video in cui si dice che io utilizzerei i mezzi della scorta per andare a prendere gli amici dei miei figli e far loro giocare le partite in barba alla quarantena violando le leggi e le regole – comunica Renzi in un audio -. È l’ennesimo incredibile, vergognoso attacco che devo subire e che deve subire soprattutto la mia famiglia. Non c’è nessuna macchina. C’è un vicino di casa che sarà denunciato in sede civile e penale, che non soltanto vìola ogni tipo di regola registrando un video con minorenni in casa altrui, ma soprattutto dice falso quando dice che sono cinque persone amiche dei figli di Renzi».

Il senatore ha spiegato la scena che si vede nel video girato dal vicino di casa che, mostrando quelle immagini, ha ritratto persone all’interno dell’area del proprio domicilio e, soprattutto, ha mostrato dei minori in azione. «Chi guarda il video – ha concluso Renzi -., riconosce che ci sono i miei tre figli, e i due presunti amici siamo io e Agnese, babbo e mamma. Siamo noi cinque, una famiglia che sta vivendo la quarantena e che avendo la fortuna di aver un giardino è fuori, dentro il rispetto di tutte le regole. Però è costruita una storia che infama e inquina».

Il video, infatti, oltre a fare il giro dei contatti di WhatsApp soprattutto in Toscana, è anche approdato sugli altri social network, dove tutti possono vedere quelle immagini. L’ennesima fake news volta a screditare la politica italiana.