Eruzione a Stromboli, confermata la morte di un escursionista

di Gaia Mellone | 03/07/2019

  • Nel pomeriggio di mercoledi 3 luglio la forte esplosione a Stromboli

  • Grande paura in tutta l'isola, ma esclusa l'ipotesi di evacuarla

  • Il comandante dei vigili del fuoco ha confermato la prima vittima

L’eruzione del vulcano Stromboli ha spaventato gli isolani e i turisti, e fatto una prima vittima confermata. Dalle 19 è iniziata la riunione dell’unità di crisi organizzata dal Dipartimento di protezione civile con le autorità locali, i centri di competenza e le strutture operative. Il sindaco Marco Giorgianni ha però escluso l’ipotesi di far evacuare l’isola. «Stiamo lavorando per dare la possibilità  a chi lo voglia di lasciare l’isola» ha dichiarato il primo cittadino a Italpress, precisando che «non c’è una dichiarazione di evacuazione». Intanto è arrivata la prima terribile notizia di un morto.

LEGGI ANCHE > Violenta esplosione del vulcano di Stromboli. L’isola rischia l’evacuazione

Eruzione a Stromboli, confermata la morte di un escursionista

L’eruzione dello Stromboli ha fatto una prima vittima: si tratta di un escursionista di Milazzo, come confermato dal comandante dei vigili del fuoco di Messina Giuseppe Biffarella. L’uomo si trovava insieme ad un altro escursionista, rimasto ferito, sul versante dello Stromboli dove si è verificata l’eruzione. Sarebbe colpito dall’esplosione mentre era in prossimità della zona sommitale del vulcano, come dichiarato dal sindaco di Lipari, ma la notizia è stata poi smentita. Secondo le prime ricostruzioni i due si sarebbero avventurati nella zona dopo il limite orario imposto dal sindaco delle 17.30. Al momento i due sono stati raggiunti da delle guide della zona in attesa dell’arrivo dei carabinieri, ma in quell’area non c’è campo per i telefoni cellulari. Sono però in arrivo due elicotteri, partiti da Catania e Salerno, per prestare i necessari soccorsi.

(credits immagine di copertina: Twitter @mariocalabresi)

 

TAG: Stromboli