Emergenza maltempo, nel Lecchese 800 evacuati

di Gaia Mellone | 12/06/2019

  • Il maltempo degli ultimi giorni ha provocato frane e tracimazioni in Lombardia

  • Emergenza sopratutto nella provincia di Lecco, dove si contano un migliaio di sfollati

  • Esondato anche il lago di Como

Dopo i temporali di lunedì e martedì notte, è scattata l’emergenza maltempo in Lombardia. Solo nella provincia di Lecco sono 800 gli sfollati, e viene monitorata con estrema attenzione la diga Enel di Pagnona, in Val Varrone, che si teme possa tracimare. Fotunatamente non si registrano feriti ma solo gravissimi danni.

Emergenza maltempo, nel Lecchese 800 evacuati

Le forti piogge cadute a inizio settimana, sopratutto nella Valsassina e lungo la sponda est del Lario hanno provocato gravi danni.La situazione più critica si è verificata lungo il percorso del torrente Varrone, esondato in diversi punti, e nelle vicinanze dei comuni di Premana, Pagnona, Casargo, Valvarrone, Vendrogno e Dervio e Primaluna. monterone è ionvece rimasto isolato sullaltro versante per via di una frana avvenuta sulla strada provinciale 63. Il prefetto di Lecco Michele Formiglio aveva gia chiesto in mattinata alla Regione di proclamare lo stato di emergenza nei territori colpiti dalla terribile ondata di maltempo. Anche a Brescia e Sondrio si sono verificate frane e allagamenti. Problemi anche a Como dove il lago è esondato fino ad arrivare ad allagare il Lungolario: intorno alle 13 nel lago veniva registrata l’entrata di più di mille metri cubi di acqua al secondo, con un deflusso di soli 380 metri cubi al secondo.

Alta la preoccupazione per l’eventuale tracimazione della diga Enel di Pagnona, nel Comune di Premana in Val Varrone, che è stata attentamente monitorata lungo tutto il pomeriggio. In una nota Enel Green Power ha fatto sapere che la diga «non ha riportato alcun malfunzionamento né danno strutturale» e che la società ha disposto l’attivazione delle «procedure standard applicate in caso di eventi di piena» in collaborazione con gli enti preposti, precisando poi che «già dalle ore 13 la quota di invaso della diga era scesa al di sotto della soglia di allerta».

(Credits immagine di copertina: ANSA/VIGILI DEL FUOCO)

TAG: Maltempo