Gli otto minuti di sequestro al Duomo di Milano sotto la minaccia di un coltello

Una guardia giurata era stata presa in ostaggio, poi l'intervento della polizia

di Redazione | 12/08/2020

Duomo di Milano

Le autorità hanno affermato che, in questo momento, non ci sono elementi per poter stabilire se quello che è successo nel Duomo di Milano a ridosso delle 13 del 12 agosto sia un atto ascrivibile al terrorismo. In realtà, si è trattato di una sorta di sequestro durato soltanto otto minuti, il tempo che ci hanno messo i funzionari di polizia a mediare con il giovane che aveva preso in ostaggio una guardia giurata all’interno dell’edificio simbolo della città meneghina.

LEGGI ANCHE > Turista americano dorme per tutta la notte sul tetto del Duomo di Milano

Duomo di Milano, un sequestro durato otto minuti

Origini egiziane, l’uomo aveva minacciato la guardia giurata con un coltello. In seguito all’intervento di altri agenti e – appunto – della polizia, si è convinto a farsi arrestare e a farsi portare in questura, dove al momento è sottoposto a fermo per rispondere alle domande degli inquirenti.

Prima di raggiungere il vigilante – che si trovava nei pressi dell’altare maggiore – a quanto pare, l’egiziano si sarebbe sottratto a un controllo all’ingresso. Poi, la minaccia con il coltello alla guardia giurata, costretta anche a inginocchiarsi. Infine, l’intervento della polizia che ha disarmato l’uomo in un momento di distrazione e lo ha portato con sé in questura.

Una vicenda che si è consumata in pochissimi minuti e che non manca di sollevare qualche interrogativo: come è stato possibile per l’uomo entrare nel Duomo armato di coltello? Per quale motivo, poi, avrebbe assalito una guardia giurata e con quali intenzioni? La polizia sta effettuando ulteriori approfondimenti sull’accaduto, per provare a escludere le piste al momento più improbabili (difficile una pianificazione di matrice terroristica, per una persona non organizzata e isolata) e indicare il movente del tentativo di sequestro.

TAG: Milano