Donald Trump e la storica stretta di mano con Kim Jong Un sul confine tra le due coree

di Gaia Mellone | 30/06/2019

Donald Trump scrive la storia diventando il primo presidente Usa in carica a mettere piede nella Corea Del Nord. Una stretta di mano storica quella tra lui e Kim Jong Un a Panmunjom, luogo estremamente simbolico.

Donald Trump e la storica stretta di mano con Kim Jong Un sul confine tra le due coree

Durante il G20 in Giappone Donald Trump aveva lanciato un invito, via twitter ovviamente, a Kim Jong-Un. «Dopo alcuni importanti incontri, lascerò il Giappone per recarmi in Sud Corea» aveva twittato Donald Trump, «Finché sarò lì, se il presidente Kim della Coprea del Nord vede questo invito, mi piacerebbe incontrarlo al confine, nella zona demilitarizzata, per stringerci la mano e salutarci». Kim Jong_un non si è tirato indietro, e i due si sono incontrati nella cosiddetta Joint Security Zone (JSA), ovvero l’unico punto in cui i soldati delle due Coree sono a pochissimi metri di distanza. È lo stesso luogo dove lo scorso anno si sono incontrati Kim Jong-Un e Moon Jae-in, presidente della Corea del Sud.

Anche stavolta si tratta di un evento evento storico: è la prima volta che un presidente americano metta piede del territorio della Corea del Nord. Oltre ad essersi stretti la mano, i due leader hanno avuto un lungo colloquio alla fine del quale hanno annunciato la riapertura dei negoziati.«Le cose si muovono, vediamo che cosa succederà, nelle prossime settimane i team di negoziatori riprenderanno a discutere» ha infatti dichiarato il presidente Usa, il cui «coraggio» è stato pubblicamente elogiato da Kim Jong-Un.

(Credits immagine di copertina: fermo immagine video Twitter BBC Breaking News)