Dmitriy Stuzhuk, l’influencer ucraino negazionista morto per coronavirus

Negli ultimi giorni, dopo il ricovero, aveva cambiato idea sulla malattia

di Redazione | 18/10/2020

Dmitriy Stuzhuk

Dmitriy Stuzhuk si era recato in Turchia per un viaggio. Lì si era ammalato ed era risultato positivo al coronavirus. Da qui il ricovero, i messaggi su Instagram dal letto di ospedale. Fino al tracollo definitivo che lo ha portato alla morte, all’età di soli 33 anni. Eppure, prima che il Covid-19 entrasse a far parte della sua vita, Dmitriy Stuzhuk era uno dei più convinti negazionisti della potenza del virus e della pandemia a livello globale. E le sue posizioni erano note perché era uno dei più importanti influencer ucraini su Instagram, con oltre un milione di followers.

LEGGI ANCHE > Quando i negazionisti del Covid hanno avuto bisogno di un dottore durante la loro manifestazione

Dmitriy Stuzhuk, la storia dell’influencer ucraino

Nei giorni precedenti al contagio, Dmitriy Stuzhuk aveva più volte sottolineato nei suoi post sul fitness come il coronavirus fosse in realtà poco più che una banale influenza. Tuttavia, l’influenzar ha iniziato a ricredersi e a raccontare la situazione drammatica degli ospedali in Ucraina subito dopo aver avuto bisogno del ricovero a causa del coronavirus.

L’uomo era stato trattato anche con i ventilatori polmonari per alcuni giorni, successivamente era stato dimesso una prima volta dall’ospedale. Qualche giorno dopo, è rientrato nella struttura quando era già privo di sensi: non c’è stato più nulla da fare, nonostante l’intervento dei medici. La notizia è stata confermata sui social network dalla moglie 25enne, che ha voluto ricordare l’eredità d’affetti lasciata dal marito.