Non esiste nessuna offerta di Disney+ a 1 euro (né un articolo di Repubblica che ne parla)

di Gianmichele Laino | 02/10/2019

Disney
  • Un post sponsorizzato ha gettato il panico tra i futuri fan di Disney+

  • Ma non c'è nessuna offerta a un euro per il servizio

  • Utilizzato anche il font di Repubblica per confezionare il fake

Se avete visto un articolo con un font molto simile a quello del quotidiano Repubblica nella sua versione online e se quest’articolo parla di una fantomatica offerta del nuovo servizio della piattaforma di streaming Disney + (che verrà lanciata soltanto a partire dal prossimo 12 novembre) acquistabile al formidabile prezzo lancio di un euro per un anno, si tratta di un vero e proprio fake. Non c’è nessuna offerta simile, per un servizio che in Italia partirà tra i primi mesi di gennaio e di giugno del 2020 e che, invece, negli Stati Uniti, in Canada e in Olanda verrà lanciato il prossimo 12 novembre.

LEGGI ANCHE > Disney+ si prende i Simpson e la foto del presidente della Fox finisce nel cassonetto

Disney+, l’offerta fake con il font di Repubblica

Al momento, le tariffe note per la nuova piattaforma di streaming sono quelle standard di 6,99 dollari al mese e di 69,99 dollari all’anno. Non risultano offerte propmozionali (men che meno a un euro all’anno) e, soprattutto, non possono essere valide per l’Italia, dal momento che il servizio non ha ancora nemmeno una data di start definitiva nel nostro Paese.

Eppure, sta circolando su Facebook questo post, tra l’altro sponsorizzato dalla pagina (con un centinaio di like) Wanderlust che rimanda a un articolo fake di Repubblica (lo si nota dal font diverso, nonostante l’acquisizione di un’immagine molto fedele della testata).

Disney +

Disney +, il fact checking

Nell’articolo fake di Repubblica, viene citato anche il sito del fan club ufficiale di Disney (Disney D23) e gli account Facebook e Twitter dello stesso. Si riporta l’immagine di un tweet in cui si dichiarava che il sito di Disney D23 era inaccessibile per un volume di traffico troppo eccessivo. Nell’articolo, questo volume di traffico era stato attribuito all’affluenza su quello stesso sito per la registrazione e il successivo accesso alla promozione da un euro all’anno.

In realtà, il tweet citato esiste ed è datato 27 agosto. Ma il problema di traffico su quella piattaforma non era certo dovuta al lancio di una promozione che non è mai esistita.

Cliccando sui link della pagina fake di Repubblica, si arriva al sito Hagmation che ha una serie di articoli su elettrodomestici e lavatrici e un solo articolo a tema Disney+ (che, tra le altre cose, presenta le tariffe già note al grande pubblico, quelle da 6,99 dollari e da 69,99 dollari). Il post sponsorizzato su Facebook ha raggiunto diversi utenti che hanno interagito con lo stesso post: molti hanno completato una presunta procedura di iscrizione che ha portato a strani addebiti sui contocorrenti e sulle carte di credito degli interessati.

TAG: Disney