Il commento “Abbella” verso una ragazza che ha fatto scatenare la rissa in cui è morto Willy

Repubblica è riuscita a ricostruire le tre ore fatali al ragazzo di 21 anni

di Redazione | 09/09/2020

omicidio volontario Willy

Un commento nei confronti di una ragazza. Fino a questo momento era stato una sorta di ipotesi, adesso pare sia un elemento messo nero su bianco dagli inquirenti che spiega la dinamica della rissa Colleferro. È questo l’elemento che ha innescato la girandola di follia che ha portato all’omicidio di Willy Monteiro Duarte. Stando a quanto ricostruito dalla testata La Repubblica, un commento di Mario Pincarelli nei confronti di una ragazza che passava davanti al Duedipicche insieme al fidanzato sarebbe stato l’elemento scatenante.

LEGGI ANCHE > Il comico del video delle scimmie postato da uno degli arrestati per la morte di Willy: «Elemento irrilevante»

Dinamica della rissa Colleferro in cui è morto Willy

“Abbella” seguito da un bacio. Ne nasce una discussione con il fidanzato della ragazza oggetto del commento. Riferiscono che Mario Pincarelli fosse in stato di alterazione dovuto all’alcol e, per questo motivo, Francesco Belleggia (ora ai domiciliari a differenza degli altri tre) aveva cercato di fare da mediatore con il fidanzato della ragazza raggiunta dal commento.

Dinamica della rissa Colleferro, il momento in cui è intervenuto Willy

L’amico di Willy, Federico Zurma, interviene in un secondo momento, quando gli animi erano già caldi. La situazione continua ad avere una piccola escalation, anche se a un certo punto tutto sembra calmarsi. È solo la quiete prima della tempesta: davanti al locale vengono chiamati al telefono i fratelli Bianchi che, per un breve lasso di tempo, avevano lasciato il Duedipicche. Quando arrivano loro, scoppia la rissa in cui viene coinvolto anche Willy che stava cercando di fare da paciere per contro di Federico Zurma.

Insomma, una situazione che sfugge di mano. Willy ha la peggio nella maxi rissa. La sua morte è stata provocata da un calcio fatale. Ora, saranno gli inquirenti a stabilire chi – tra le persone presenti davanti al locale di Colleferro – lo ha sferrato.