La dieta dei colori: perdere peso in poco tempo

di Gaia Mellone | 13/05/2019

  • La dieta dei colori prevede di mangiare alimenti di un colore al giorno

  • La dieta dei colori rientra nel gruppo delle diete detox

  • Gli alimenti da consumare preferibilmente crudi

Sembra quasi un gioco, ma non lo è. La dieta dei colori, diventata molto popolare sul web, rientra nel gruppo delle diete detox, ovvero quelle preposte a disintossicare l’organismo dopo periodi di abbuffate alimentazione sregolata o forte stress. Non si tratta di un regime alimentare che può essere mantenuto per lungo periodo, ma può andar bene per rimettersi in sesto dopo le feste o in vista della prova costume.

La dieta dei colori: perdere peso in poco tempo

La Dieta dei colori o cromodieta, prevede che ogni giorno vengano consumati soltanto cibi e alimenti dello stesso colore, in modo da potenziare l’effetto dei pigmenti sull’organismo. Secondo questa dieta infatti ad ogni colore infatti corrispondono sostanze nutritive specifiche. Il regime alimentare ha la durata di sette giorni, dove ogni colore ha uno scopo ben preciso. La dieta dei colori promette anche di far perdere pochi chili nel giro di una settimana senza alternare il metabolismo.

I cibi vengono divisi in base al loro colore e consumati «preferibilmente crudi per mantenerne i principi nutritivi» spiega la dottoressa Luana Romeo, Consigliere nazionale di Andid, che spiega quali siano le proprietà associate ad ogni colore:

Bianco: Sono quegli alimenti che hanno proprietà che favoriscono una più facile digestione e depurano il corpo regolando il cosiddetto colesterolo cattivo. I cibi di colore bianco sono anche ricchi di antiopssidanti che possono aiutare ad abbassare la pressione sanguigna. Fanno parte di questa categoria banane, cavolfiori, aglio, zenzero, funghi, finocchi, pere, cipolle e patate.

Verde: a questo colore sono associati cibi che favoriscono la vitalità dell’organismo. Gli alimenti di questo gruppo prolungano il senso di sazietà e riducono l’appetito, contengono clorofilla e alcuni luteina.  Sono mele verdi, avocado, fagiolini, cetrioli, piselli, lime, verze, spinaci, broccoli, lattuga, verdure a foglia larga, insalate verdi, bietole, cavoli, asparagi, carciofi, prezzemolo,  zucchine, kiwi.

Azzurro: Servono a ridare tono e leggerezza al fisico. Grazie all’omega 3, i vasi sanguigno vengono ripuliti dai grassi nocivi.  Alimenti ricchi di amminoacidi che ristrutturano le fibre muscolari e danno sostegno alla pelle, si tratta prevalentemente di pesce sia azzurro, come sardine e merluzzetti, che grasso, come aringhe sgombri e salmone.   

Rosso: ricchi di antiossidanti, facilitano facilitano la perdita di peso perché stimolano il metabolismo e lo rendono più veloce. Gli alimenti che rientrano in questa categoria sono fragole, anguria, pomodori, ravanelli, mele rosse, melagrana, arance Tarocco, pomodori e peperoni.

Viola: sono gli alimenti ricchi di antiossidanti flavonoidi che favoriscono una depurazione dell’organismo e che proteggeono le cellule dai danni (antociani). Alcuni, in particolare i mirtilli, possono anche aiutare a prevenire l0invecchiamento delle cellule legate alla memoria. Rientrano in questa categoria cavolo cappuccio, melanzane, barbabietole, mirtilli, prugne fichi,  e uva nera.

Giallo e arancio: due gruppi con lo stesso scopo: favorire la diuresi e combattere la cellulite. Rientrano in questa categoria mele gialle, albicocche, arance, mandarini, carote, kaki, zucca, pesche, nespole, pompelmi, limoni, nettarine, mango pere, peperoni gialli, ananas, mais e patate dolci. Gli alimenti gialli e arancio contengono inoltre carotenoidi che favoriscono la salute degli occhi, riducono i rischi legati allo sviluppo di alcune tipologie di tumore e malattie cardiache e in generale rinforzano il sistema immunitario.

Dieta dei colori: funziona?

Con la dieta dei colori sicuramente si tendono a ingerire molta più frutta e verdura, che ha effetti positivi e depurativi sull’organismo, e spesso alla cormodieqta viene collegata una perdita di 2-3 chili di peso ma come spiega la dottoressa Luana Romeo «ciò che è supportato da evidenza scientifica è la validità del consumo giornaliero di frutta e verdura dai diversi colori». «La varietà – continua la dottoressa – garantisce l’apporto di diversi micronutrienti dei quali il diverso colore di frutta e verdura è espressione». Essendo una dieta detox non esiste nemmeno una letteratura che certifichi chiaramente e supporti «i vantaggi sulla salute e la perdita di peso».

(credits immagine di copertina: Pixabay License)