David Cameron travolto dallo scandalo dell’uccello e del maiale

di Redazione | 21/09/2015

Non ne troverete traccia sui siti di BBC, ma in compenso tutta la Gran Bretagna sta ridendo e sta sfottendo il primo ministro David Cameron, perché in un’autobiografia scritta da Lord Ashcroft, compagno di deboscio in gioventù, si racconta di come il giovane David si drogava e, soprattutto, di quando inserì una parte molto privata nella bocca di una testa di maiale, appoggiata sulla pancia di un compagno.

hameronQUANDO DAVID CAMERON FACEVA IL DEBOSCIATO –

Dicono che si tratti di una vendetta di Lord Ashcroft per essere stato emarginato dal partito, che tra l’altro finanzia generosamente da anni, ma le anticipazioni di «Call me Dave» non sono poi così clamorose, anche se la sola storia dell’interazione con la testa di maiale potrebbe essere sufficiente a minare la carriera del leader britannico, che per ora si è trincerato nel silenzio. Abbastanza compromettenti anche le accuse di aver assunto cocaina e marijuana, oltre a quella di consumo industriale d’alcolici e in genere di aver tenuto comportamenti osceni insieme ai compagni di confraternita.

GLI AMICI RICCHI DI CAMERON –

Il gruppo studentesco più noto del quale Cameron è stato membro è il Bullingdon Club (in copertina), un gruppo di figli di famiglie molto ricche noto per gli eccessi alcolici e per l’abitudine di sfondare ristoranti dopo le cene, ma un suo compagno di università, James Delingpole, racconta nella biografia di frequenti fumate di cannabis in camera al Christ Church College, negli anni Ottanta, quando erano soci del «Flam Club» dedicato al consumo della cannabis. E mentre frequentava quel college Cameron sarebbe entrato nella «Piers Gaveston», una società con solo 12 membri e specializzata in baccanali segreti con centinaia di invitati. Proprio come iniziazione alla Gaveston il premier avrebbe realizzato la performance con la testa di maiale.

LEGGI ANCHE: L’incredibile e gravissima rivolta militare contro Jeremy Corbyn

#HAMERO E #PIGGATE SBANCANO –

A scatenare la fantasia sui social e lo scalpore maggiore è stata ovviamente la storia del maiale, anche se quelle sul consumo di droga, anche cocaina, potrebbero essere molto dannose per la sua reputazione. Un portavoce di Downing Street ha subito fatto sapere che «nessuna di queste notizie sarà commentata», mentre in rete esplodeva il delirio al traino degli hashtag #hameron (ham=prosciutto) e #piggate, con le immagini di Cameron in compagnia di maiali che hanno invaso le timeline internazionali e saturato quelle britanniche. Molti hanno ricordato un episodio di Black Mirror, una serie televisiva nella quale il premier britannico è costretto a fare sesso con un maiale in diretta TV, ma nel caso di Cameron c’è da dire che non lo avrebbe costretto nessuno, se non la sua determinazione nel voler far parte di una confraternita ricca ed esclusiva.