La deputata italiana eletta in Brasile: «Vi spiego cosa ha detto Cristiano Ronaldo»

di Redazione | 11/11/2019

Cristiano Ronaldo

Renata Bueno è una deputata italiana che è stata eletta nella circoscrizione America Latina. Di base in Brasile, ha ottenuto il seggio a Montecitorio alle ultime elezioni del 2018. È stata lei, intercettata dalla trasmissione Un Giorno da Pecora su Radio1, a rivelare il contenuto del famoso labiale di Cristiano Ronaldo: il calciatore della Juventus ha pronunciato delle frasi, che sono sembrate subito ostili, al momento della sua sostituzione nel corso di Juventus-Milan.

LEGGI ANCHE > Fabio Capello contro CR7: «Non fa un dribbling da tre anni». Ma ovviamente non è così

Cristiano Ronaldo, il labiale della discordia

In tanti hanno interpretato queste sue parole come un attacco diretto all’allenatore dei bianconeri Maurizio Sarri, con il quale – a quanto pare – non corre buon sangue. Fatto sta che Cristiano Ronaldo non si è accomodato in panchina, ha infilato direttamente il tunnel degli spogliatoi e ha lasciato lo stadio prima degli altri compagni di squadra.

Cosa ha detto Cristiano Ronaldo al momento della sostituzione

Ma resta il mistero su quello che può aver detto nei confronti di Maurizio Sarri. A spazzare via ogni dubbio, però, ci ha pensato la deputata Renata Bueno, interpellata dalla trasmissione Un Giorno da Pecora. Non si è trattato di un vero e proprio ‘vaffa’, ma comunque di un’espressione molto volgare. Non è detto, però, che quelle frasi siano state rivolte direttamente all’allenatore, la frase carica di rabbia, infatti, poteva anche essere un’espressione severa nei confronti di se stesso.

La parola pronunciata da Cristiano Ronaldo non rappresenta infatti un insulto, piuttosto un’imprecazione. Certo, il comportamento successivo ha condizionato pesantemente il giudizio sul siparietto in panchina, al momento della sostituzione. Ma, almeno da un punto di vista linguistico, la deputata italo-brasiliana è sicura: non c’è stato, in quel momento, nessun attacco personale a Maurizio Sarri.

FOTO: ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO