Coronavirus, come in ‘The Terminal’: tre calciatori in aeroporto costretti a dormire per terra

24/04/2020 di Federico Pallone

La storia di tre calciatori in aeroporto, bloccati a causa dell’emergenza coronavirus, sembrerebbe poter ispirare Steven Spielberg a girare il sequel di ‘The Terminal‘, film di successo del 2004 con Tom Hanks, in cui il protagonista Viktor Navorski rimane bloccato all’aeroporto internazionale John Fitzgerald Kennedy di New York a causa di un colpo di stato avvenuto nel suo paese d’origine, la ‘Krakozhia’, proprio mentre si trovava in aereo diretto verso la tanto ambita America. Visto d’entrata per gli Stati Uniti negato e obbligo per Navorski di sostare all’interno del terminal dedicato ai voli internazionali, senza la possibilità di varcare la frontiera.

LEGGI ANCHE –> Un cittadino siriano è rimasto bloccato nell’aeroporto di Kuala Lumpur, come Tom Hanks in The Terminal

Eppure, qui non siamo davanti a una telecamera o seduti sul divano di casa a guardare il lungometraggio. Questo è uno degli effetti reali del virus.

Tre calciatori argentini vivono dallo scorso 17 aprile in aeroporto a Francoforte, in Germania, impossibilitati a tornare a casa. Leonardo Gil dell’Al-Ittihad, Sergio Vittor del Damac e Cristian Guanca, in forza all’Al-Shabab, avevano deciso di lasciare le rispettive squadre dopo la sospensione del campionato saudita a causa dell’emergenza sanitaria. Ma al loro arrivo a Francoforte il loro viaggio si è bloccato, in assenza dell’ok delle autorità sia argentine che brasiliane, dal momento che il loro piano di volo prevedeva anche uno scalo a San Paolo. In questi giorni si sono trovati così a vivere nell’area di transito dell’aeroporto. «Abbiamo bussato a tutte le porte, è una vergogna», lo sfogo al quotidiano tedesco ‘Bild’ di Gil. Guenca è insieme alla moglie, alle due figlie e alla madre. «Abbiamo trovato solo due camere, che abbiamo dato ai familiari di Guenca», ha aggiunto Gil al canale televisivo argentino TNT Sports. Il prossimo aereo per Buenos Aires è in programma oggi, ma l’ultima parola spetterà ancora all’autorità dell’aviazione civile argentina, l’unica che può autorizzare l’ingresso nel Paese dei voli internazionali. Altrimenti, Spielberg ha già pronto il titolo per il sequel di ‘The Terminal’: “Tre calciatori in aeroporto“.

[CREDIT PHOTO: SCREENSHOT DAL FILM ‘THE TERMINAL’]

Share this article