L’audio rubato a Conte-Merkel: «M5S in difficoltà, Salvini al 36%» | VIDEO

di Redazione | 25/01/2019

Conte-Merkel
  • PIazzapulita è a Davos per un servizio

  • Incontra Conte e Merkel in fitto dialogo

  • Il premier: "M5S preoccupato, Salvini al 36%"

Succede anche questo a Davos, al World Economic Forum. Capita di incontrare in una saletta, insieme agli altri potenti del mondo, la coppia Conte-Merkel in fitto dialogo. I toni sono cordiali e sembra esserci una certa sintonia tra i due. La cancelliera della Germania rompe gli indugi addirittura con una battuta: «Ci vuole proprio un caffè, a maggior ragione se è un italiano a chiederlo». I due, quindi, si avvicinano al bancone e ordinano il loro espresso.

LEGGI ANCHE > Giuseppe Conte pesca un dato dal cilindro: «Pil 2019 potrebbe crescere dell’1,5%»

Conte-Merkel, il video di Piazzapulita

Poi, Giuseppe Conte si lascia andare a quella che sembra essere una vera e propria confessione:

«Il Movimento 5 Stelle – dice Conte alla Merkel – è molto preoccupato perché sta andando giù nei sondaggi». La Merkel contestualizza con una domanda: «Di Maio?». Giuseppe Conte annuisce e continua il suo discorso: «Abbiamo fatto dei sondaggi: Salvini è al 35-36%, mentre il Movimento è al 27-26%».

Il M5S chiede consigli elettorali alla Merkel?

La Merkel ascolta interessata il discorso di Giuseppe Conte. Il premier, frutto di un contratto e di un patto di governo tra Lega e Movimento 5 Stelle, ma da sempre espressione dei secondi più che dei primi, rivela ancora una volta di più la sua vicinanza al partner pentastellato. E continua a parlare con Angela Merkel.

«Quindi loro dicono: ‘quali sono i temi che ci possono aiutare in campagna elettorale‘?». Poi la registrazione si interrompe. Forse non sapremo mai quale sia stata la risposta di Angela Merkel o forse sarà possibile scoprirlo nelle prossime ore. In ogni caso, sembra quasi che Giuseppe Conte – presentando un’istanza del Movimento 5 Stelle – stia chiedendo aiuto alla Merkel, qualche consiglio su come affrontare al meglio la campagna elettorale. Dimenticando il passato di attacchi pentastellati alla Cancelliera, soprattutto sul tema dei migranti, e agitando davanti ai suoi occhi lo spauracchio Salvini.