I ‘congiunti fuori regione’ che attendono il via libera per ‘riabbracciarsi’ 

di Enzo Boldi | 13/05/2020

Congiunti fuori regione
  • Ancora non si parla della situazione dei fidanzati (e non solo) di confine o che vivono in territori diversi

  • Forse ci sarà l'opportunità di incontrarsi dal 1° giugno

  • E su Twitter l'hashtag di tendenza è congiunti fuori regione

Era accaduto anche il 26 aprile, quando Giuseppe Conte parlò per la prima volta del concetto di congiunti. All’epoca – sembra passata un’eternità – in molti si chiedevano (tra ironia e serietà) quale fosse il reale significato (anche a livello giuridico e legislativo) di quel termine. Poi, qualche giorno dopo, si ampliò il discorso parlando di ‘affetti stabili’. Alla fine il chiarimento con le Faq pubblicate dal governo sulla fase 2: dai parenti ai fidanzati. Questi sono stati i primi passi di riapertura (oltre al piano lavorativo). Ora, però, in molti si stanno interrogando sui cosiddetti congiunti fuori regione: quelle persone che hanno affetti stabili e parenti e che vivono in una regione diversa dalla propria.

LEGGI ANCHE > Dal 18 maggio stop all’autocertificazione, sì agli incontri con amici e riapertura di locali e parrucchieri

Un tema che può sembrare superficiale, ma non è così. Se dal 18 maggio si potrà tornare a far visita anche agli amici (o almeno questa sembra essere l’indicazione, con tanto di fine delle autocertificazioni) che vivono nella nostra stessa regione, discorso differente sembra valere per chi ha parenti e affetti stabili in una regione diversa rispetto a quella in cui si ha la residenza. Secondo quanto sta trapelando nelle ultime ore, il tutto potrebbe essere rimandato al 1° giugno.

I congiunti fuori regione e l’appello al governo

Gli spostamenti tra le Regioni, infatti, dovrebbero non ottenere il via libera prima del 1° giugno. Mancano ancora molti giorni e questo sta spingendo i congiunti fuori regione (con un hashtag primo nelle tendenze Twitter di oggi) a chiedere al governo maggiore chiarezza e delle linee guida.

Le richieste e lo stato dell’arte

Le richieste arrivano dopo oltre due mesi di lockdown, con i cosiddetti congiunti fuori regione che non si vedono da tanto tempo. Insomma, al netto dell’emergenza, le motivazioni non possono esser definite folli. Ovviamente, a fare da contraltare, c’è la situazione dei contagi che differisce da Regione in Regione. Sarà difficile trovare un equilibrio tra desiderio e realtà, con il Coronavirus che sembra ever allentato la presa – in termini di infezioni -, ma probabilmente solo perché siamo stati molto bravi a limitarci in questo periodo.

(foto di copertina: da Pixabay)