Il Comune di Bibbiano preoccupato per la gestione della piazza con Salvini e Sardine

di Ilaria Roncone | 23/01/2020

bibbiano
  • Alle ore 18 Salvini e Sardine saranno presenti a Bibbiano

  • Nel comune, che conta 9 mila abitanti, sono attese 10 mila persone

  • Il Comune di Bibbiano è preoccupato per la gestione dell'evento

Appuntamento alle 18 davanti al municipio con Matteo Salvini, Lucia Borgonzoni e la Lega per il tanto atteso comizio a Bibbiano. Poco distanti, come da copione, ci saranno anche le Sardine. A circa duecento metri. Un po’ troppo vicine, forse, le due fazioni, ma non potrebbe essere altrimenti. A Bibbiano sono attese 10 mila persone secondo. Il comune conta 9 mila abitanti. Pensare a Bibbiano significa anche pensare ai suoi spazi, evidentemente troppo piccoli per accogliere la mole di gente che in queste ore si sta riunendo nel piccolo comune in provincia di Reggio Emilia, celebre fulcro dello scandalo dell’inchiesta Angeli e Demoni.

Salvini e Sardine a Bibbiano, si spera che le misure di sicurezza siano sufficienti

Già a partire dalle ore 14 di oggi, come informa il Corriere di Bologna, il paese di Bibbiano è blindato. Sia il Comune che le attività di una serie di uffici e del centro diurno sono stati chiusi già nel primo pomeriggio. Sono duecento gli uomini che saranno impiegati per garantire che il comizio della Lega e la manifestazione delle Sardine possano svolgersi senza alcun inghippo a livello di sicurezza. «Tutti i provvedimenti assunti da questa Amministrazione sono stati concordati con la Questura e le Forze dell’Ordine, al fine di tutelare il primario diritto alla sicurezza dei cittadini», ha comunicato la Giunta Comunale attraverso il profilo Facebook.

 

«Siamo consapevoli che disagi, seppure abbiamo cercato di limitarli, ci saranno»

Sempre attraverso il profilo Facebook la Giunta ufficiale del Comune ha proseguito il discorso. Il messaggio è molto chiaro: si tratta di «un evento a cui il nostro territorio non è abituato» e che «probabilmente anche città di dimensioni ben più ampie avrebbero difficoltà a gestire». Ad essere messo alla prova sarà, in particolare, l’«apparato tecnico» della città, che dovrà affrontare una situazione molto complessa. «Siamo consapevoli che disagi, seppure abbiamo cercato di limitarli, ci saranno. Per questo, affinché tutto si svolga regolarmente, chiediamo la collaborazione dei bibbianesi non solo nel comprendere, ma anche, per quanto possibile, nel collaborare ad una organizzazione difficile ma non impossibile». Si conclude poi con l’appello ai cittadini per semplificare il più possibile l’avvenimento. Insomma, un evento che ha valenza elettorale e simbolica forte ma che probabilmente i cittadini si sarebbero risparmiati.