Clochard picchiato e bruciato vivo a Verona, scattano tre fermi

di Gaia Mellone | 10/07/2019

bimba rom
  • Lo scorso lunedì il ritrovamento di un clochard esanime vicino ad un binario della stazione di Villafranca in provincia di Verona

  • Oggi effettuati tre fermi: due senzatetto romeni, come la vittima, e un italiano. Esclusa per ora la matrice razziale

  • Il commento di Matteo Salvini: «Resteranno delusi quelli che pensavano di accusare di razzismo la comunità veronese»

Una nuova aggressione a danno di un senzatetto scuote la provincia di Verona. Lo scorso lunedì un clochard è stato trovato esanime vicino ad un binario della stazione di Villafranca. L’uomo, identificato come il 42enne romeno Vasile Todirean, era stato picchiato e bruciato. La squadra mobile della Questura di Verona ha oggi comunicato di aver compiuto tre fermi.

LEGGI ANCHE > Verona, bruciarono clochard per noia: non passeranno un giorno in carcere

Clochard picchiato e bruciato vivo a Verona, scattano tre fermi

Sono tre le persone fermate all’interno dell’indagine sull’aggressione di Vasile Todirean. Si tratta di due romeni, entrambi dei senzatetto come la vittima che ora è in terapia intensiva, e un italiano residente a Villafranca. Sono stati individuati grazie alle telecamere di sorveglianza. «L’attività è ancora coperta da segreto istruttorio – ha dichiarato il dirigente della Squadra mobile Roberto Di Benedetto – perché le indagini e gli accertamenti sono ancora in corso». Non è ancora chiaro il motivo della lite che avrebbe portato al pestaggio violento, ma gli inquirenti escludono per ora una aggressione di matrice razziale. «Hanno problematiche di inserimento sociali e il fatto secondo noi è maturato in quell’ambito» ha infatti aggiunto Di Benedetto durante la conferenza stampa. Su questa linea anche la dichiarazione del vicepremier leghista Matteo Salvini, che ha ringraziati le forze dell’ordine e gli inquirenti «per la rapidità» aggiungendo «resteranno delusi quelli che pensavano di accusare di razzismo la comunità veronese».

(Credits immagine di copertina: Foto della fiancata di un’auto della Polizia di Stato da archivio Ansa)