Mamme litigano su Facebook e si affrontano a colpi di mestolo davanti alla scuola dei figli

di Enzo Boldi | 23/09/2019

Cisterna
  • Un racconto paradossale arriva da Cisterna di Latina

  • Una discussione tra mamme su Facebook si tramuta in rissa

  • Il tutto si conclude con un duello a colpi di mestolo

L’educazione da insegnare ai propri figli, davanti alla loro scuola. Le due mamme di Cisterna di Latina, cittadina del basso Lazio, non lo hanno fatto benissimo, trasformando il piazzale davanti all’istituto dove studiano i loro bambini in una sorta di ring in cui confrontarsi per una discussione partita dai social. Il tutto è avvenuto alla luce del solo, poco dopo l’ingresso in aula dei bimbi che, per fortuna, non hanno assistito a questa scena degradante. Un fatto triste che ha dei risvolti comici, come il fatto che le tre si siano affrontate a colpi di mestolo.

L’episodio, che sembra tratto da un B-Movie, è accaduto davanti a una scuola del quartiere San Valentino, a Cisterna di Latina. Il tutto sarebbe partito da divergenze – chiamiamole così – tra due mamme. Un conflitto che era nato sui social e si era concretizzato su Facebook con pesanti insulti e minacce tra le due donne. Poi il confronto in strada, nel giorno in cui avevano accompagnato i rispettivi figli nella loro scuola per seguire le lezioni.

Cisterna di Latina, la lite tra mamme a colpi di mestolo

Secondo i racconti dei testimoni e le ricostruzioni fatte dalle forze dell’ordine, una delle due donne avrebbe tentato di investire (o quantomeno colpire) con la sua auto la mamma ‘rivale’, fallendo però nel suo bellicoso tentativo e andando a centrare al sorella che, poi, è stata accompagnata in ospedale per essere medicata. E quel folle gesto ha dato il via a questo scenario semi-comico. La mamma parente della donna colpita, ha estratto dalla sua borsa il mestolo e la rissa è proseguita.

Il tutto nato sui social

Il tutto sotto gli occhi attoniti dei cittadini del quartiere San Valentino di Cisterna di Latina. Il duello a colpi di mestolo è stato interrotto dall’arrivo delle forze dell’ordine che hanno messo fine a quel degradante spettacolo che ha origine sui social e che poi è deflagrato in strada. Con tutto il disagio (seppur condito da un’immancabile vena ironica) di questo assurdo racconto.