Chiara Ferragni a Venezia: «Non mi candiderei mai alle elezioni»

di Enzo Boldi | 04/09/2019

Chiara Ferragni
  • È il giorno di Chiara Ferragni alla Mostra del Cinema di Venezia

  • La fashion blogger e imprenditrice non ha parlato solo del documentario Unposted

  • Ha risposto anche a una domanda sulla politica

Non c’è spazio per la politica attiva nella vita di Chiara Ferragni. La famossissima fashion blogger si trova a Venezia dove questa sera sarà proiettato il documentario che la regista Elisa Amoruso ha cucito attorno alla sua vita fatta di successi, critiche e haters. Sbarcata al Lido per la Mostra del Cinema, la bionda imprenditrice ha parlato a 360° della genesi di Unposted, rivelando anche alcuni suoi piani per il futuro. Tra questi non ci sarà, sicuramente, una discesa in politica.

Ha usato un «mai» categorico rispondendo alla domanda della giornalista dell’AdnKronos che l’ha intervistata a poche ore dalla proiezione nella Sala Giardino di Unposted, come pellicola fuori concorso nella sezione Sconfini, alla Mostra del Cinema di Venezia. Quel mai per ribadire come la politica non sia uno degli sbocchi futuri in cui far confluire la sua vita ricca di successi e impegni, anche insieme al marito Fedez e al figlio Leone, diventato una vera star social.

Chiara Ferragni dice no alla politica

Sarà la sera di Unposted a Venezia, dunque. La vigilia è stata vissuta con intrepida attesa da Chiara Ferragni che ieri, sul suo profilo Instagram, ha raccontato tutte le ansie per questa serata che stava attendendo da tempo: «Lasciare a qualcun altro, la regista Elisa Amoruso, raccontare la mia storia e approfondire tutto ciò che ho vissuto è stato spaventoso, ma logico».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

For months I thought about this moment: a few days before presenting the documentary about my life, @chiaraferragniunposted to the world. How will I feel? Will I be happy? Proud? Scared? Excited? Creating this documentary has been the most challenging project I’ve ever taken part into. Letting someone else, the director @elisamoruso, tell my story and go deep in everything I’ve experienced has been scary but therepeutic. Being able to show you how my business started 10 years ago and that It’s not only about posting a nice selfie was of extreme importance to me. Showing you how much dedication, hard work and believing in yourself always pays off. But at the same time not being afraid of talking about the mistakes I’ve made along my way, people that took me down and all my insecurities. I recorded this video on April 2019, after seeing @chiaraferragniunposted one of the first times, and feeling super emotional and EXTREMELY happy. Thank you for letting me to this moment and giving me the power to tell my story, I hope this documentary will inspire you to follow your dreams and believe in yourself, against everybody else 💘

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

«Sono molto più di un selfie»

Concetti ribaditi anche all’AdnKronos, dove Chiara Ferragni ha tenuto a sottolineare che questo documentario la mostra in tutta la sua autenticità e senza i filtri social che, spesso e volentieri, rimandano ai suoi fan (e agli haters) un’immagine ben diversa dalla ragazza che era e della donna che è diventata: «Sono molto più di un selfie».

(foto di copertina: ANSA/ETTORE FERRARI)