Big Tech diserta il CES 2022 organizzato in presenza: chi non andrà

26/12/2021 di Redazione

Lo Il CES 2022 di Las Vegas doveva marcare un punto di svolta nella gestione della pandemia da parte delle grandi aziende Big Tech. L’evento, infatti, era stato organizzato in presenza, in modo tale da lanciare un forte segnale di ripresa per il settore, comunicando – internamente ed esternamente – questo indicatore di fiducia. In realtà, la decisione si sta trasformando in un boomerang. Nei giorni scorsi, anche Microsoft si è aggiunto alla lista di aziende che hanno declinato l’invito in presenza, a causa dell’evoluzione della situazione epidemiologica.

LEGGI ANCHE > Intel come Google: niente vaccino, niente stipendio

CES 2022, diverse defezioni di Big Tech per la presenza a Las Vegas

Il CES è il Consumer Electronics Show, una delle maggiori e più importanti fiere dell’elettronica che si svolge a Las Vegas sin dal 1967. L’occasione tradizionale è sempre stata quella dei primi giorni di gennaio e quest’anno si era deciso di riprendere gli incontri e gli appuntamenti in presenza, proprio per evitare quanto accaduto negli ultimi anni caratterizzati dalla pandemia. In realtà, la rinuncia di Microsoft alla gestione di uno spazio espositivo in presenza si va ad aggiungere a quelle di GM, Google, Lenovo, Intel, T-Mobile, AT&T, Meta, Twitter, Amazon, TikTok, Pinterest. 

Una scelta, quella di Big Tech, che va esattamente nella direzione presa internamente nei giorni scorsi. Le aziende, infatti, hanno rimandato il rientro in presenza anche nei propri quartier generali, vista la predominanza di Omicron e l’estensione del numero dei contagi. Inoltre, diverse aziende – come Google e Intel – hanno comunicato ai loro dipendenti che potrebbero subire una sospensione dei loro stipendi se non dovessero conformarsi ai regolamenti aziendali, che prevedono l’obbligatorietà della vaccinazione (o una esenzione opportunamente motivata, per ragioni di salute o di principi religiosi). Non era il caso, dunque, di andare in contraddizione con questa linea – che prevede ancora una estensione dello smartworking -, partecipando al CES 2022.

Come si diceva, l’ultima ad aggiungersi all’elenco delle rinunce è stata Microsoft: «Dopo aver esaminato gli ultimi dati sull’ambiente COVID in rapida evoluzione, Microsoft ha deciso di non partecipare di persona al CES 2022 – ha dichiarato l’azienda al portale specializzato TechCrunch -. Continueremo con i nostri piani CES digitali sia su Microsoft Partner Innovation Experience che su Automotive Press Kit, dove evidenziare i dispositivi, le soluzioni e le innovazioni più recenti dei nostri partner. Non vediamo l’ora di continuare a partecipare a distanza».

Share this article
TAGS