Il candidato M5S a Corleone vuole «un dialogo con i familiari dei mafiosi»

di Redazione | 23/11/2018

corleone
  • Il candidato sindaco del M5S a Corleone ha pubblicato una foto che lo ritrae con il nipote acquisito del boss Provenzano

  • «Voglio aprire un dialogo con i parenti dei mafiosi, chiedo di prendere le distanze dalle loro storie», ha detto

  • L'avversario di centrodestra parla di «segnale pericolosissimo»

Un candidato sindaco che chiede il dialogo con i parenti dei mafiosi. È quanto accade a Corleone, in provincia di Palermo, il paesino diventato tristemente noto per aver dato i natali ad alcuni dei più noti e feroci boss di Cosa Nostra, come Totò Riina e Bernardo Provenzano. Maurizio Pascucci, aspirante primo cittadino del Movimento 5 Stelle, ha pubblicato su Facebook una foto che lo ritrae in un bar in compagnia di Salvatore Provenzano, titolare del locale e nipote acquisito del capomafia ‘Binnu’. Ne parla oggi Repubblica (articolo di Emanuele Lauria).

 

corleone
(Foto dalla pagina Facebook ‘Maurizio Pascucci – Candidato Sindaco M5S Corleone’)

 

Il candidato sindaco M5S a Corleone e la foto con il nipote di Provenzano

Per il candidato M5S, 54 anni, toscano di Cecina, non c’è nulla che desti imbarazzo in quella immagine. Perché in fondo Salvatore, che del bar è titolare, è incensurato. Ed è incensurata anche moglie, la familiare diretta del boss. L’intenzione di Pascucci – ricostruisce Repubblica – è quella di zittire chi lo accusava di estremismo. E la foto potrebbe servire a raggiungere l’obiettivo. È la soluzione giusta?

Per qualche avversario no, la scelta è sbagliata. «Un buon caffè con Salvatore, delusione per i maldicenti», ha scritto Pascucci postando l’immagine. Il candidato di centrodestra, Nicolò Nicolosi, ex deputato Dc, ha parlato di «segnale pericolosissimo».

«Intendo aprire un dialogo con i familiari dei mafiosi»

Pascucci, assistente parlamentare dell’onorevole Mario Giarrusso, il capogruppo pentastellato in Commissione antimafia, pha presentato così la sua ricetta: «Voglio rilanciare un movimento per la legalità che qui ha sempre perso ma ha sempre combattuto». E ancora: «Intendo aprire un dialogo con i familiari dei mafiosi: non chiedo di rinnegare i parenti ma di prendere le distanze dalle loro storie». Chissà cosa dirà il vicepremier e capo politico Luigi Di Maio, atteso a Corleone in queste ore.

(Foto di copertina dalla pagina Facebook ‘Maurizio Pascucci – Candidato Sindaco M5S Corleone’: Salvatore Provenzano e Maurizio Pascucci)

TAG: Corleone