La storia del gatto spedito per sbaglio come un pacco di Natale

di Enzo Boldi | 26/12/2018

Canada, gatto nel pacco di Natale
  • La vicenda del piccolo Baloo, il gatto spedito per errore come pacco di Natale

  • Il micio si era infilato in uno scatolone indirizzato a Montreal

  • La disattenta proprietaria ne aveva denunciato la scomparsa, prima del lieto fine natalizio

Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco. Il piccolo Baloo, un grosso micione che vive in Canada, si è reso protagonista di uno dei detti popolari più diffusi al mondo. Per lui un lungo viaggio attraverso il servizio postale del sistema di corrispondenza del Paese Nordamericano, interrotto dai controlli di sicurezza di Montreal che si sono accorti di quel qualcosa che non andava in quel pacco spedito pochi giorni prima di Natale. La colpa? La disattenzione della sua padrona e la sua atavica passione per gli scatoloni.

Si sa che un gatto, ogni qualvolta gli si presenti di fronte una scatola (di qualsiasi forma o dimensione) parte nella sua missione esplorativa che inizia dalla perlustrazione di quell’intruso nel suo ambiente fino ad arrivarne alla conquista. E così Baloo, da bravo micio, ha iniziato a fare un giro tra gli scatoloni che la sua padrona, Jacqueline Lake, stava preparando per spedire i suoi regali natalizi. E, tra un passaggio e l’altro, il gatto si è infilato in una di quelle scatole dove si è addormentato. E da lì ha fatto il giro del Canada.

In Canada un gatto è stato spedito per errore

Presa dalla fretta e dall’ansia natalizia, anche se la storia risale ad alcune settimane fa, la giovane donna canadese non si è accorta che in uno di quegli scatoloni si era appisolato il piccolo grande Baloo. La disattenta Jacqueline Lake ha, quindi, chiuso il pacco, sigillato e incartato, prima di consegnare il tutto fattorino del servizio di consegne Purolator, indirizzando il «regalo» a Montreal, a oltre mille chilometri dal luogo di partenza.

Che fine aveva fatto Baloo?

Finita l’ansia da prestazione per la preparazione degli scatolini è arrivata la doccia fredda. La donna non trovava più il suo gatto Baloo, e aveva chiesto aiuto anche su Facebook. La disperazione ha lasciato spazio, qualche giorni dopo, alla gioia. A ritrovare il micio erano stati gli agenti di sicurezza del servizio di corrispondenza del Canada che, insospettiti da quello scatolone che si muoveva e traballava, hanno aperto il pacco trovandosi di fronte il terrorizzato Baloo. La proprietaria è stata ritrovata risalendo all’indirizzo di tracking e il grigio gattone ha potuto far ritorno a casa sua prima di Natale.

(foto di copertina: da Facebook)

 

TAG: Canada, gatto