Legge sul biotestamento è operativa, Speranza: «Da oggi ciascuno di noi ha una libertà di scelta in più»

di Gaia Mellone | 10/12/2019

Il ministro della Salute Roberto Speranza lo aveva promesso: entro il 16 dicembre la legge sul biotestamento sarebbe diventata realtà a tutti gli effetti. E così è stato: martedì 10 dicembre il ministro ha annunciato di aver firmato il decreto che dà piena attuazione alla legge approvata dal Parlamento verso la fine del 2017: «Da oggi ciascuno di noi ha una libertà di scelta in più».

Legge sul biotestamento è operativa, Speranza: «Da oggi ciascuno di noi ha una libertà di scelta in più»

LEGGI ANCHE> Irene, morire a 30 anni senza poter scegliere: ecco perché il biotestamento non basta | VIDEO

«Ho appena firmato il decreto sulla banca dati nazionale per le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT)» scrive il ministro Roberto Speranza sulla sua pagina Facebook annunciando che da oggi 10 dicembre 2019 la legge sul biotestamento è operativa nel nostor paese. Per far istituire la Banca dati nazionale delle Dat si era attivata la fondazione Luca Coscioni, che aveva inizialmente diffidato il ministero, allora presieduto da Giulia Grillo,  proprio per la mancata attuazione e, dopo aver raccolto oltre 10mila firme, aveva fatto poi ricorso al Tar, la cui udienza era fissata proprio per il 16 dicembre. A questo punto, non sarà più necessario andare dinanzi al giudice. «Dopo 17 mesi di violazione della legge da parte del Ministero della Salute – ha dichiarato Filomena Gallo segretario dell’Associazione Luca Coscioni- siamo ora lieti di poter ringraziare il Ministro Speranza per la firma del decreto istitutivo».

Ora le DAT che erano già state depositate presso i Comuni o i notai «saranno finalmente immediatamente consultabili dai medici in caso di bisogno, in qualsiasi struttura sanitaria del territorio nazionale» ha aggiunto Gallo, che però sottolinea come «per completare l’applicazione della legge 219/2017» sarà compito del Ministero della Salute, delle Regioni e delle aziende sanitarie rispettare «l’articolo 4 comma 8 della legge 219, laddove indica che questi devono provvedere “a informare della possibilità di redigere le DAT”».

(Credits immagine di copertina: Facebook Roberto Speranza)

Ho appena firmato il decreto sulla banca dati nazionale per le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT).Con questo…

Gepostet von Roberto Speranza am Dienstag, 10. Dezember 2019