Il ‘testamento’ della bimba morta a 10 anni: «I miei giocattoli ai bambini poveri»

di Redazione | 12/12/2018

giocattoli
  • Una bimba malata di tumore, morta a 10 anni, aveva un sogno straordinario: donare i miei giocattoli ai bambini poveri

  • Il suo desiderio viene ora realizzato da un'associazione di beneficenza

  • «Prima di morire ha preparato buste con tutti i giochi e gli abiti per i meno fortunati», ha raccontato la mamma della piccola

Giulia, una bimba morta a 10 anni stroncata da un tumore dopo una lunga battaglia, aveva un piccolo grande sogno: lasciare i suoi giocattoli a chi più ne aveva bisogno, ai piccoli che non possono permetterseli. Il suo ‘testamento’ è ora diventato una realtà grazie ad un’associazione, che distribuisce la singolare, straordinaria donazione. È una storia raccontata oggi dal quotidiano L’Unione Sarda.

Il sogno della bambina malata: donare i suoi giochi ai poveri

Giulia ha lottato contro la malattia per 4 anni e mezzo e prima di andare via ha confidato alla madre Eleonora il suo più grande desiderio: donare i giochi ai bambini poveri. La storia ha fatto il giro del web grazie ai social network. «Giulia – ha raccontato la mamma della bimba su Facebook – aveva un aggressivo tumore cerebrale plurirecidivato. Abbiamo cercato in tutti i modi di salvarla. Lei era molto buona e generosa. Prima di morire ha preparato delle buste con tutti i suoi giochi e gli abiti per i bambini meno fortunati di lei. Abbiamo così creato un’associazione di beneficenza per distribuirli che porta il suo nome ‘Il sogno di Giulia’».

Ora le volontarie raccolgono tutto ciò che può servire alle donne in gravidanza e ai piccoli da 0 fino a 14 anni: abbigliamento, giocattoli, libri, coperte, passeggini e lettini. E nella sede di via Giardini 159, a Cagliari, vengono distribuiti tutti i mercoledì e venerdì. Dunque, quest’anno, a Natale il grande cuore di Giulia rivivrà nel sorriso di decine di bimbi.

(Foto in copertina. una bambina in un negozio di giocattoli. Fonte archivio Ansa)

TAG: Cagliari