La grave situazione incendi in Australia e le foto ‘fake’ diffuse sui social

di Enzo Boldi | 06/01/2020

Australia

Premessa: la situazione incendi in Australia è molto grave e ha colpito una porzione molto vasta della Nazione. Le notizie che arrivano sono molto pesanti e parlano di numerose vittime (almeno una ventina), ettari su ettari di boschi andati in fiamme, flora e fauna devastate, con particolare attenzione alle condizioni dei koala che rischiano – ancor di più – l’estinzione per via della scia di morte provocata dai roghi e della distruzione del loro habitat naturale. Detto questo, però, nelle ultime ore è iniziata a circolare sui social un’immagine ‘satellitare’ che non è altro che una ricostruzione 3D della situazione in Australia nell’ultimo mese. Poco a che vedere con quanto sta accadendo nelle ultime settimane.

LEGGI ANCHE > Incendio nei cantieri del nuovo viadotto di Genova

Come riporta il portale di fact-checking Bufale.net, l’immagine che circola sui social – e che molti spacciano come una foto satellitare diffusa dalla Nasa – non è altro che una ricostruzione tridimensionale dei roghi che si sono scatenati nelle ultime settimane in Australia. E la conferma arriva anche dal profilo Instagram di Anthony Hearsey, tra i primi a condividere lo ‘scatto’.

L’Australia e la ricostruzione 3D degli incendi

L’Australiano spiega chiaramente come si tratti di una «piccola visualizzazione delle fiamme in Australia», costruita basandosi sui dati raccolti da FIRMS della NASA, quelli satellitari riguardanti gli incendi. Insomma, una ricostruzione dei roghi dal 5 dicembre 2019 fino al 5 gennaio 2020. Non si tratta, dunque, dell’immagine satellitare che immortala la situazione attuale.

Il report Nasa

La Nasa, infatti, ha pubblicato un report con le aree dell’Australia colpite dai roghi e la situazione, vedendola così, è leggermente diversa da quella che è solamente una ricostruzione 3D della situazione. Il tutto non serve a sminuire la realtà di quanto sta accadendo, ma per restituire una parvenza di verità rispetto alla ‘realtà’ presentata sui social.

(foto di copertina: da Twitter)

TAG: Australia