Ballottaggio sindaco torino 2016
|

Elezioni a Torino: le pagelle di Fassino e Appendino dopo il confronto Sky

Finalmente i candidati a confronto. Torino si appresta a scegliere il proprio sindaco. Domenica 19 giugno si terrà il Ballottaggio per il Sindaco di Torino tra Piero Fassino, sindaco uscente, appoggiato da uno schieramento di centrosinistra e Chiara Appendino, del Movimento 5 Stelle.

LEGGI > ELEZIONI COMUNALI TORINO 2016: I CANDIDATI

CHIARA APPENDINO 7.5 E’ brava. È preparata. È Giovane. La sfida con Fassino è di alto livello. Lui solido, istituzionale. Lui un po’ più agitata, aggressiva. Muove continuamente i fogli che ha davanti, segno di una comprensibile agitazione. Se proprio bisogna trovarle un difetto forse è un pochino rigida rispetto all’avversario, che sicuramente più abituato a questo tipo di palcoscenico. Ma ha un sorriso simpatico. E’ la gemella diversa di Virginia Raggi. L’Appendino è tutta contenuti. ed è più concentrata sulla propria proposta rispetto alla “gemella” capitolina. «Vi chiedo di giudicarmi per le mie idee e per la mia squadra» dice. Il suo appello finale è convincente. In qualche modo – per chi cerca il cambiamento, una svolta – è credibile. Se il M5S ha un limite è proprio nel fatto che molti cittadini hanno un certo timore ad affidarsi a loro, anche per alcune prese di posizioni un po’ bislacche di alcuni parlamentare grillini. Con lei non si ha mai la sensazione di fare un salto nel buio. E a Torino è una cosa che conta. – Gemella Diversa

PIERO FASSINO 7 – E’ il sindaco uscente. E si vede. Lo ascolti e capisci che sei in buone mani. Difficile per il Movimento 5 Stelle parlarne male di lui o della sua storia, e anche della sua amministrazione. Certo, di Fassino conosciamo limiti e pregi. Non è proprio uno che buca il video, non ha grande empatia. Ma comunica sicurezza e tranquillità. Si vede che non ha paura, non si agita continuamente. Non ha nessun foglio davanti, a differenza della sua avversaria. Certo, difficilmente riuscirà a convincere il voto più giovane. Ma è in vantaggio di dieci punti; confermare i suoi voti al secondo turno potrebbe anche bastare. Solido ma stanco