Isis, nuovo video: il boia minaccia la Gran Bretagna e uccide 5 presunte ‘spie’

di Redazione | 03/01/2016

Un'immagine da un video dell'Isis

Ancora un messaggio in video dai miliziani dell’isis. Un combattente dello Stato Islamico ha lanciato una sfida alla Gran Bretagna in un filmato (della durata di circa 10 minuti) in cui definisce David Cameron un «imbecille» per aver deciso di combattere i jihadisti. Nella sequenza vengono poi giustiziate 5 presunte «spie» accusate di lavorare per Londra. A riferirlo è stato il Site. Il boia nel video simula i modi e il linguaggio di Jihadi John in perfetto inglese.

 

LEGGI ANCHE: Perchè il modello economico dell’ISIS è insostenibile

 

ISIS, NUOVO VIDEO: IL BOIA CONTRO GB E CAMERON

Il premier britannico Cameron viene definito uno «schiavo della Casa Bianca» e un «leader insignificante che ha sfidato» l’Isis. Il boia si rivolge direttamente a Cameron puntando diverse volte la pistola verso la camera. «Britannici, sappiate che vi invaderemo», è il suo messaggio. E ancora: «Pensate che il vostro governo si prenderà cura di voi quando sarete nelle nostre mani?». «Perderete questa guerra, come avete perso in Iraq e Afghanistan». Poi i cinque uomini in ginocchio, tutti in tenuta arancione dopo aver ‘confessato’ in arabo di «lavorare per l’intelligence britannica», vengono uccisi con un colpo di pistola alla testa (o almeno, così lascia credere il montaggio del video). Il filmato si conclude con l’immagine di un bambino che in inglese minaccia di uccidere tutti i miscredenti.

Come ha riferito la britannica Bbc, nel filmato gli uomini tenuti prigionieri dai jihadisti dicono di essere originari di Raqqa, in Siria, e un altro di Bengasi in Libia, ma nessuno dice di provenire dal Regno Unito. Le persone di cui verrebbe mostrata l’uccisione pronunciano presunte confessioni. Uno di loro dice ad esempio che gli era stato chiesto di fornire informazioni sulla localizzazione dei militanti dell’Isis, in modo che essi potessero essere colpiti dai raid aerei.

(Immagine di copertina da: ANSA / WEB / SITE)

TAG: ISIS