Adriano Celentano «Sto iniziando a pensare a Salvini, ciao GrillòRenzi»
|

Adriano Celentano «Sto iniziando a pensare a Salvini, ciao GrillòRenzi»

Adriano Celentano “abbandona” il Movimento Cinque Stelle e Matteo Renzi aprendo a Matteo Salvini. Il Molleggiato lo conferma dalle pagine del suo blog salutando «GrillòRenzi», accusati di pensare ai voti quando a Roma un’auto lanciata a 180 chilometri orari travolge nove passanti “con noncuranza”.

Adriano Celentano «Sto iniziando a pensare a Salvini, ciao GrillòRenzi»
(TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

«CI VUOLE LA CERTEZZA DELLA PENA» –

Adriano Celentano è a dir poco diretto nel suo messaggio accusando i due leader politici di preoccuparsi di altro quando è necessario occuparsi della certezza della pena, un qualcosa che rassicura la gente aumentando la propensione al consumo:

Ciao GrillòRenzi! Mentre voi ve la battete sul tavolo dei “VOTI”, nel frattempo a Roma c’è un’ auto che sfreccia a 180 km all’ora e, con noncuranza travolge 9 passanti, trascinandosi per 50 metri una giovane donna che poi MUORE. Otto i feriti di cui quattro in modo grave. Ma voi, così concentrati nella lotta a chi arriva primo, vi dimenticate di parlare del problema “non più importante” ma VITALE che è la CERTEZZA della PENA. Perché la gente dovrebbe consumare di più se ha paura anche a uscire di casa? E chi se ne frega degli 80 Euro o del diritto di cittadinanza se poi arriva una macchina e ti travolge

 

LEGGI ANCHE: Migranti, Celentano a Matteo Renzi: «diventi scafista giusto ed accolga i migranti»

«STO COMINCIANDO A PENSARE A SALVINI» –

Ed a causa dell’incertezza della pena il Paese resta “bloccato” senza più possibilità di crescere. Ed a questo punto è bene occuparsi di chi permette ai cittadini di sentirsi sicuri e di voler tornare ad avere fiducia nel futuro. E per questo ora pensa a…

Poveri illusi, la tanto invocata “crescita” di cui parlano gli economisti e l’accecata massa politica, non ci sarà mai. Nessuno ha capito che il famoso aumento dei consumi e’ strettamente legato a un disegno artistico che può scaturire solo attraverso il sorriso dei cittadini. Ma se i cittadini hanno paura e si sentono abbandonati, non sorridono. E se non sorridono, non consumano. Quindi?…Sto cominciando a pensare a Salvini.

(Photocredit copertina TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)