Addio a Gianluigi Gabetti, storico collaboratore della famiglia Agnelli

di Daniele Tempera | 14/05/2019

  • Aveva 94 anni ed era un uomo chiave per la famiglia Agnelli e di quello che sarebbe diventato il gruppo Fca

  • Vice presidente Fiat dal 1993 al 1999, negli anni bui del gruppo automobilistico è stato amico e collaboratore di Sergio Marchionne

  • La famiglia fa sapere che i funerali si svolgeranno in forma privata

Se ne è andato nella notte uno degli ultimi protagonisti della grande industria italiana: si è spento infatti, all’età di 94 anni Gianluigi Gabetti, storico collaboratore dell’avvocato Agnelli.

La biografia di un uomo chiave per il gruppo Fiat e Fca

Classe 1924, Gabetti ha iniziato la sua carriera alla Banca Commerciale per poi passare in Olivetti. Ed è proprio mentre si occupava di Olivetti corporation of America che conosce Giovanni, Agnelli che gli offre di rientrare in Italia come direttore generale dell’Ifi, la holding finanziaria della famiglia di cui poco dopo diventa ad. Dal 2003 al 2008 è stato presidente dell’Ifil, poi Exor e successivamente presidente d’onore. Nel 1982 è stato nominato  Cavaliere del Lavoro. Vice presidente Fiat dal 1993 al 1999, negli anni bui del gruppo automobilistico, per la morte dell’Avvocato prima e di Umberto Agnelli poco dopo, insieme a Franzo Grande Stevens ha lavorato per assicurare la successione alla guida del gruppo di John Elkann. E’ stato Gabetti a portare in Fiat Sergio Marchionne con il quale si instaurò un forte legame di amicizia. La famiglia fa sapere che i funerali si svolgeranno in forma privata.