Elezioni Milano 2016
|

Elezioni Milano 2016, la lista civica di Milly Moratti al fianco di Beppe Sala?

Elezioni Milano 2016, la lista civica di Milly Moratti al fianco di Beppe Sala?

La moglie dell’ex presidente dell’Inter ha dichiarato la sua disponibilità a guidare una lista civica alle elezioni di Milano 2016. Vista la difficoltà a trovare un nome che rappresenti le diverse anime progressiste, Milly Moratti potrebbe aiutare Beppe Sala nella costruzione di una coalizione il più possibile unitaria di centrosinistra alle elezioni 2016.

ELEZIONI MILANO 2016 LA CORSA DI MILLY MORATTI

Milly Moratti ha spiegato in un’intervista al Corriere della Sera di mercoledì 16 marzo la sua intenzione di formare una lista civica che corra alle prossime comunali di Milano. La moglie dell’ex presidente dell’Inter si era già candidata alla testa di una lista civica nel 2001, quando aveva preso come candidato sindaco poco più del 4% nelle elezioni vinte da Gabriele Albertini. Milly Moratti ha rimarcato come potrebbe correre guidando una lista civica nella coalizione di centrosinistra, campo a cui aderisce. Una disponibilità che segue l’annunciato impegno della cognata Letizia Moratti, ex sindaco di Milano, a supporto di Stefano Parisi.

Esplora il significato del termine: Lei a disposizione di chi mette questo strumento?
«Di tutti. Chiaramente aderisco a una parte politica in cui credo e mi augurerei di metterlo a disposizione del centrosinistra. Ma al di là di tutto dovrebbe essere uno strumento comune».
Perché la lista non la fa lei?
«Non è detto che non lo faccia. Tante persone me lo chiedono e li rispetto, ma non mi voglio arrogare il diritto di primogenitura perché la storia l’hanno fatta i cittadini».
Come chiamerebbe la lista nel 2016?
«Sempre Arancia, perché se il colore è rimasto sempre lo stesso si è arricchita di nuovi profumi e sapori».

ELEZIONI MILANO 2016 MILLY MORATTI E BEPPE SALA
Milly Moratti potrebbe quindi aiutare Beppe Sala con la sua disponibilità a formare una lista civica. La trattativa tra il candidato vincitore delle primarie, il PD, SEL e le componenti civiche vicine a Giuliano Pisapia per formare una coalizione larga di centrosinistra si è sostanzialmente bloccata dopo la rinuncia di Francesca Balzani a guidare la lista progressista. Milly Moratti, attiva da ormai molto tempo nella società civile milanese e impegnatasi anche a supporto del sindaco Pisapia, potrebbe rappresentare una figura capace di rassicurare le diversi componenti sempre più scettiche sulla figura di Beppe Sala e sull’intesa con il PD.

ELEZIONI MILANO 2016 MILLY MORATTI E  LA SINISTRA

I dubbi di SEL potrebbero favorire la formazione di una lista di sinistra competitiva, anch’essa bloccata però dalla mancata individuazione di un candidato sindaco. Gherardo Colombo, il nome più apprezzato, ha rinunciato, e rimane in pista l’ipotesi di Curzio Maltese. Il giornalista è però già europarlamentare della lista Tsipras, e il possibile doppio incarico non convince diversi esponenti della sinistra milanese. Nel 2001 la lista civica di Milly Moratti era stata sostenuta da alcune componenti come gli ecologisti ora propensi a formare Milano in Comune, la lista di sinistra contrapposta a Beppe Sala. La candidatura della moglie dell’ex presidente dell’Inter potrebbe contenere l’emorragia a sinistra, che renderebbe ancora più incerta la già equilibrata sfida tra Beppe Sala e Stefano Parisi.