ignazio marino
|

Scherzo telefonico, Marino al finto Renato Zero: «Stiamo scuotendo poteri e privilegi»

IGNAZIO MARINO, DIMISSIONI VICINE? LA DIRETTA

Nel momento più difficile del suo mandato Ignazio Marino è stato vittima di uno scherzo telefonico e radiofonico. Un falso Renato Zero (in realtà l’imitatore Barty Colucci, del programma ‘Tutti pazzi per Rds’, in onda su Radio Dimensione Suono) ha chiamato il sindaco della Capitale e gli ha intonato una canzoncina sulle note di ‘Roma nun fa la stupida stasera’. Marino è caduto nel tranello ed ha anche parlato anche della situazione politica in città e del discusso viaggio a Filadelfia.

 

LEGGI ANCHE: Marino non si dimette: «Basta polemiche, restituisco ogni spesa di rappresentanza con la carta di Credito»

 

MARINO AL FINTO RENATO ZERO: «NOI SOTTO AGRESSIVITÀ» –

«Siamo sotto una aggressività continua – ha risposto Marino al falso Renato Zero che gli chiedeva cosa accade a Roma -, probabilmente perché stiamo scuotendo davvero poteri e privilegi che hanno retto per molti anni in questa città». All’imitatore, che esprimeva critiche per lo stato della Capitale ma anche sostegno al sindaco, Marino ha poi detto: «Ti ringrazio e se lo ritieni dichiaralo» pubblicamente. Alla domanda se sia stato davvero il sindaco di Filadelfia a invitarlo nella città statunitense Marino ha risposto: «Sono stato invitato dal sindaco di Filadelfia che è venuto personalmente».

MARINO AL FINTO RENATO ZERO: «GRAZIE PER IL SOSTEGNO» –

Nel corso dello scherzo telefonico il falso Renato Zero ha anche intonato una canzone: «Roma quante buche che c’hai stasera, io giro con la bici me ne vo’. Guarda quanta monnezza, coi sorci grandi che poi fanno da cornice attorno a noi. Non sai quanto era pulita Filadelfia, nun c’era una carta a terra manco a mori’. Invece la mia Roma è sporca piu’ che mai, Marino nun fa lo stupido stasera». «Ti ringrazio perché sei un romano speciale – ha infine commentato Marino -, avere le tue parole di sostegno mi fa molto piacere e se tu lo ritieni possiamo incontrarci di persona e parlarne. Adesso vado in Campidoglio, guardo l’agenda e ti cerco».

(Foto di copertina: ANSA / ANGELO CARCONI)